Lettori fissi

mercoledì 2 dicembre 2020

Homo Sapiens - album


Homo Sapiens è un gruppo musicale italiano degli anni settanta.

La band, per molti anni tutta al maschile, si forma nel 1966. Originariamente, ai tempi delle loro prime uscite pubbliche, dove riscuotono sempre un certo successo, il nome del gruppo è i Tarli. Nel 1971, cambiano il loro nome in Homo Sapiens.



1974

Oh Marylou
Ladro buono 
Il grillo e i grattacieli 
Un primario deio più grandi al mondo 
Ti voglio bene
Tra i fiori rossi di un giardino
Stagione di passaggio
Strada per il mare
Dimmi che cosa sei 
Non ho una lira
Tu... là sul cavalcavia 
Ballerina


1975

Tornerai tornero'
Betty
A un passo dall' amore
Garden bar
Ballerina
Santo cielo, non l'ho mai capito
Lei, lei lei
Non ho una lira
Ci sarebbe il sole
Dolce malinconia


1976

Pecos Bill
Batuka-to-batuka
Innamorarsi (senza far l'amore)
Donna
Siediti
Serenità
I diavoli del paradiso
Malinconia
Sipistapitiki
Madagascar


1977

Bella da morire
Serenita
Betty
A un passo dall'amore
Santo cielo, non l'ho mai capito
Lei,lei,lei
Dolce la sera
Ci sarebbe il sole
Pecos Bill
Tornerai, tornero


1978

Due mele
Un orsacchiotto
Atto proibito
Ricerca di gruppo
Far l'amore con te
Amare... volare...
Vestita o svestita
California
E sfidi il vento


1980

Voglio amarti di più
Bella fuori, bella dentro
Io e te (che male c'è)
Firenze sogna
Acapulco Mexico
Vorrei... vorrei
Un nuovo amore
Pianoforte


1990

Bella da morire
Tempo migliore
Tornerai tornerò
Una goccia di malinconia
Due mele
Presagio di mare
Un'estate fa
Fammi credere
Pecos bill
E finisce così


1994

I comandamenti
Tornerai tornerò
Questo si, questo Nno
Lei, lei, lei
Due mele
Una dolce malattia
Primopelo
Love somebody
Bella da morire
Firenze sogna
Vai col mambo

martedì 1 dicembre 2020

Gene Pitney al Festival di Sanremo


Gene Francis Alan Pitney (Hartford, 17 febbraio 1940 – Cardiff, 5 aprile 2006) è stato un cantante e compositore statunitense.


1964 - Quando vedrai la mia ragazza

Quando vedrai la mia ragazza
Amico mio
Quando a casa tornerai
E vedrai la mia ragazza
Devi dirle tutto quello
Che mi sento dentro il cuor.
Dille che ormai
Io vedo solo lei
Che morirei
Se non sapessi che
Fra poco tempo
Ritornerò e per noi
Ci sarà anche il tempo della felicità.
Dille che lei
Deve aspettare me
Che tornerò
Se lei mi aspetterà
Tu che lo sai
Tu devi dirle che
Quando vedo un'altra donna penso soltanto a lei.
Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh.
Ma se vedrai
Che lei non pensa a me
Se riderà
Di quel che le dirai
Se tu vedrai
Che c'è qualcuno che
Ora ha preso il mio posto dentro il cuore di lei.
Ora ti prego
Quando ritornerai
Non dire niente
Io capirò lo sai
Non dire niente
Non dirmi niente mai
In un bar ci saranno due bicchieri per noi.
Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh.
Quando tu la vedrai.
Eh eh eh eh eh eh eh


1965 - Amici miei

Stasera non verrò, non aspettatemi .
Stasera amici miei, andrò da lei .
Stasera le dirò
Se vuol tornare insieme a me
Perché se lei non c'è, io non resisto più .
Ci vuole
Qualcuno
Vicino per vivere,
Ed io, io vivo per lei .
E se ritornerò e vorrò piangere,
Vi prego amici miei di non parlar .
Prendetemi con voi
E sorridetemi perché:
Un uomo no non può, piangere d'amor .
Perché se lei non c'è, io non resisto più .
Ci vuole
Qualcuno
Vicino per vivere
Ed io, io vivo per lei .
E se ritornerò e vorrò piangere,
Vi prego amici miei di non parlar .
Prendetemi con voi
E sorridetemi perché:
Un uomo no non può, piangere d'amor .
Piangere d'amor
No no no no non può


1966 - Nessuno mi può giudicare

La verità mi fa male, e penso...
La verità mi fa male, lo sai...
Nessuno mi può giudicare, nemmeno tu,
(la verità ti fa male, lo so),
lo so che ho sbagliato una volta e non sbaglio più.
(la verità ti fa male, lo so).
Dovresti pensare a me
e stare più attento a te,
c'è già tanta gente che
ce la su con me, chi lo sa perchè?
Ognuno ha il diritto di vivere come può,
(la verità ti fa male, lo so),
per questo una cosa mi piace e quell'altra no.
(la verità ti fa male, lo so).
Se sono tornata a te,
ti basta sapere che
ho visto la differenza tra lui e te
ed ho scelto te.
Se ho sbagliato un giorno ora capisco che
l' ho pagata cara la verità,
io ti chiedo scusa, e sai perchè?
Sta di casa qui la felicità.
Molto, molto più di prima io t'amerò,
in confronto all'altro sei meglio tu,
e d'ora in avanti prometto che
quel che ho fatto un dì non farò mai più.
Ognuno ha il diritto di vivere come può,
(la verità ti fa male, lo so),
per questo una cosa mi piace e quell'altra no.
(la verità ti fa male, lo so).
Se sono tornata a te,
ti basta sapere che
ho visto la differenza tra lui e te
ed ho scelto te.
Se ho sbagliato un giorno ora capisco che
l' ho pagata cara la verità,
io ti chiedo scusa, e sai perchè?
Sta di casa qui la felicità.
Nessuno mi può giudicare, nemmeno tu.


1967 - La rivoluzione

Guarda quante facce scure
piene di rancore sono ferme là
guarda quei ragazzi uniti
tutti colorati stan correndo qua
ma che succederà?
Ci sarà la rivoluzione
nemmeno un cannone però tuonerà
ci sarà la rivoluzione
l'amore alla fine vedrai vincerà
e basteranno pochi anni
oppure poche ore
per fare un mondo migliore
un mondo dove tutti saranno perdonati
chi ha vinto e chi ha perduto
vedrai si abbraccerà.
La la la la rivoluzione
nemmeno un cannone però tuonerà
la la la la rivoluzione
l'amore alla fine vedrai vincerà.
Guarda ora per la strada
ognuno si sorride senza più un perché
guarda quegli uomini importanti
sembrano bambini nessuno pensa a sé
e vuoi saper perché?
E' finita la rivoluzione
per sempre è finita
mai più si farà
è finita la rivoluzione
l'amore alla fine ha vinto e vincerà.
E son bastati pochi anni
soltanto poche ore
per fare un mondo migliore
un mondo dove tutti saranno perdonati
chi ha vinto e chi ha perduto
vedrai si abbraccerà.
E' finita la rivoluzione
per sempre è finita
mai più si farà
è finita la rivoluzione
l'amore alla fine ha vinto e vincerà



Gene Pitney e Caterina Caselli in un momento di relax al Festival di Sanremo nel 1966.

lunedì 30 novembre 2020

Rita Pavone - 45 giri (parte 1)


Rita Ori Flomena Pavone, nota come Rita Pavone (Torino, 23 agosto 1945) è una cantante, attrice e showgirl italiana naturalizzata svizzera.


1962 - La partita di pallone/Amore twist
1963 - Come te non c'è nessuno/Clementine chérie
1963 - Alla mia età/Pel di carota
1963 - Cuore/Il ballo del mattone
1963 - Non è facile avere 18 anni/Son finite le vacanze 
1964 - Datemi un martello/Che m'importa del mondo
1964 - Scrivi!/Ti vorrei parlare
1964 - L'amore mio/San Francesco
1965 - Viva la pappa col pomodoro/Sei la mia mamma
1965 - Lui/La forza di lasciarti
1965 - Plip/Supercalifragilistic-Espiralidoso
1965 - Stasera con te/Solo tu
1966 - Qui ritornerà/Il geghegè