Lettori fissi

venerdì 31 gennaio 2020

Marisa Sacchetto - 45 giri


Marisa Sacchetto (Piove di Sacco, 5 ottobre 1952) è una cantante, modella e attrice italiana.

Inizia l'attività di cantante nel 1968 con il gruppo "Gli Atridi". Nel 68/69 si esibisce come cantante nel gruppo "The Pick Up". Partecipa, vincendoli, a quattro festival: Adria, Vicenza, Venezia e il Festival dei Due Mari di Caserta. Nel 1970 vince il "Festival di Castrocaro".


1970 - Sono già le sei/Non sono io

1971 - Tredici ragioni/Col profumo delle arance

1971 - Innamorata di te/Miracolo d'amore

1972 - Amore amaro/ E la domenica lui mi porta via

1972 - Il mio amore per Mario/Un pò di sole e mezzo sorriso

1973 - Ho paura ma non importa/La città

1975 - Primo pensiero/Abat-jour

1974 - Sei nella mia vita/Conclusioni

1978 - Honey honey/I Love You So

1978 - Un momento prima/L'innocenza e l'incoscienza

1979 - Face in the Water/What now my love

1979 - Hunting For My Heart/Golden Sunset

1980 - Regina del futuro/Noia 

1985 - Una donna/Solo tu, solo noi

giovedì 30 gennaio 2020

Anselmo Genovese - discografia


Anselmo Genovese (Camporosso, 25 ottobre 1948) è un cantautore italiano che ha acquisito notorietà negli anni settanta/ottanta.

All'età di 17 anni compose la sua prima canzone, un brano dal titolo "Ora" che il complesso beat Kites incise.

Dopo aver fatto parte del gruppo The Sextons, nel 1967 Genovese entrò nella formazione dei Kidnappers.

Autore ed interprete, nel 1967 incise con i Kidnappers il suo primo 45 giri.




1967 - E se un angelo/Ho sete


1969 - Il fuoco è spento/Era soltanto ieri

1970 - Per 70 lire/Dove sei

1974 - La prima volta/Decidi tu


1975 - La nostra buona educazione/Sensazioni di un                   grande amore


1976 - Comunque sia/Sensazioni di un grande amore


1977 - Un grido di gabbiani/Nel mio cielo


1978 - Tu sola/Sempre un giorno


1979 - Anche un uomo/Sul mio cuscino


1980 - È facile (33 giri su K-tel)


1981 - Mia cara brooklyn/Love


1987 - Senza umanità/Anno 2000

mercoledì 29 gennaio 2020

Gerardina Trovato al Festival Musicali


Gerardina Trovato (Catania, 27 maggio 1967) è una cantautrice italiana.

Il debutto davanti al grande pubblico avviene al Festival di Sanremo 1993 con "Ma non ho più la mia città", classificandosi seconda tra le nuove proposte dopo Laura Pausini.


1993 - Ma non ho più la mia città (Festival di Sanremo)

Venne il giorno che le dissi
Tu Catania non mi basti
Dei miei sogni che ne hai fatto
Me li hai chiusi in un cassetto
E sognavo di partire
Di trovarmi in un bel posto
Per poter riaprire
Quel cassetto ormai nascosto
Chiuso con delle catene
Pieno ormai di ragnatele
Mi dicevi da bambina
Guarda sempre quelle stelle
Basta sai vederne una
Che va giù, tutto s'avvera
Quante stelle avro' contato
Quante ne ho viste cadere
Ma l'America è lontana
Ma l'America, l'America
Era questo sai il mio sogno
Di volare su New York
E adesso sto cantando
E ancora sto sognando
Ma sempre dalla mia città
Non è cambiato niente
Tutte le notti aspetto
Ancora una stella cadente
E così presi quel treno
Mi fottevo di paura
Mi portai solo il cassetto pieno ormai di ragnatele
E così arrivai in quel posto
Fatto tutto di motori
Mi mancava la mia spiaggia
Mi mancava la tua faccia
Che ogni notte mi portava
A guardare i pescatori
E adesso sto cantando
E ancora sto sognando
Ma non ho più la mia città
Non è cambiato niente
Tutte le notti aspetto ancora
Una stella cadente
E adesso sto cantando
E ancora sto sognando
Ma non ho più la mia città
Dove vivo non c'è il mare
Sulle case sempre neve
Solo nebbia e vento freddo
Sopra il grano scende pioggia
Ma le strade sono bianche
Non c'è terra e non c'è sangue
Penso ancora alle parole
Scritte in alto sul giornale
Chi non ha paura di morire muore una volta sola
E adesso sto cantando
E ancora sto sognando
Ma non ho più la mia città
Non è cambiato niente
Tutte le notti aspetto
Ancora una stella cadente
E adesso sto cantando
E ancora sto sognando
Ma non ho più la mia città


1994 - Non è un film (Festival di Sanremo)

E una storia vera 
che non mi dà pace… 
Dormo poco, accendo la luce 
e nel cuore risento la voce… 
Nuvole di terra 
piangono dal cielo… 
Vecchi per la strada, buttati tra i sassi, 
vestiti di stracci… 
Tutto questo non è un film… 
Tutto questo non è un film… 
Sangue sulle braccia, 
fango sulle mani… 
Sangue di un bambino 
così massacrato da grandi soldati…. 
Tutto questo non è un film… 
Tutto questo non è un film… 
Voglio una vita che vive! 
Non voglio un sogno che brucia…. 
non sono ghiaccio ma resto a guardare 
perché ho paura! 
Voglio una vita che vive! 
Sanguina una stella 
sul seno di una donna… 
Mentre muore grida per terra, 
sui lividi spingono ancora… 
Apri le tue mani 
perché lei grida davvero, 
guarda meglio adesso 
attraverso quel video 
e dimmi che cosa vedi….. 
Tutto questo non è un film… 
Tutto questo non è un film… 
Voglio una vita che vive, 
perché ho paura! 
Voglio una vita che vive! 
Perché Dio ci può chiedere aiuto 
se la morte ci insegna la vita… 
Perché Dio non può farci cambiare 
se un bambino ci insegna a morire… 
Perché Dio ci può chiedere aiuto 
se la morte ci insegna la vita… 
Perché Dio non può farci cambiare 
se un bambino ci insegna a morire… 
Perché Dio ci può chiedere aiuto 
se la morte ci insegna la vita… 
Perché Dio non può farci cambiare 
se un bambino ci insegna a morire 
cosi…..


2000 - Gechi e Vampiri (Festival di Sanremo)

Una vita normale
La mattina col sole
Non l'avevo fatta mai
Mi svegliavo la notte
Come Gechi e vampiri
Trasgressioni solo routine
Stavo sempre uno schifo
Con la gente sbagliata
In un mondo che nel mondo non c'è
E col tempo anche i sogni si fanno i bagagli
E un bel giorno non li cerchi più
Ma chi sei, ma chi sei
Specchio specchio delle mie brame
Cosa vuoi, cosa vuoi
Sono la strega di Biancaneve
Dimmi che, dimmi che
Non tornerò mai com'ero prima
Dimmelo perché
Perché voglio di nuovo trovare la strada
Che tu avevi scelto per me
Ci vorrebbe una storia
Veramente importante
Che cancella tutto quanto così
Più cerchi qualcosa
E più non trovi niente
Ma questo ormai da tempo si sa
Ma un giorno qualunque
In un posto tremendo
Vedo quello che mi piace e sei tu
Quando credevo d'avere finito
I Gechi e vampiri non ci sono più
Ma chi sei, ma chi sei
Specchio specchio delle mie brame
Cosa vuoi, cosa vuoi
Sono la strega di Biancaneve
Dimmi che, dimmi che
Non tornerò mai com'ero prima
Dimmelo perché
Perché voglio di nuovo trovare la strada
Che tu avevi scelto per me
Ma chi sei, ma chi sei
Perché non resti anche la mattina
Te ne vai, te ne vai
Mi fai tornare dov'ero prima
Ma perché, ma perché
Invece di giocare
Ancora non diventi mio
Perché un cuore che parte
Può fare più luce del sole anche stando quaggiù
Ma perché, ma perché
Invece di giocare
Ancora non diventi mio
Perché un cuore che parte
Può fare più luce del sole anche stando quaggiù
Perché voglio di nuovo una vita
Un po' meno sbagliata e la voglio con te
Con te.


1993 - Sognare sognare (Festivalbar)

Mi sveglio come sempre la mattina
senza sapere mai che cosa fare
Faccio due passi e poi
ritorno giù a dormire
Non c’è più niente che mi fa impazzire
non c’è più un uomo che mi fa morire
l’unica cosa bella è dormire, è dormire, dormire
E sognare, e sognare, e sognare
e sognare dei topi che mangiano gatti
o dei pettirossi che mangiano falchi e poi…
rubare il vento a un aquilone
gridare senza una ragione
correre forte come pazzi
a piedi nudi sopra i sassi
vivere adesso e non domani
come gli zingari sul prato
bere la piggia dalle mani…
senza tempo a senza nome
Senza nome
Passeggio tra la gente, per le strade
tra quella scia, quella delle borgate
mi siedo stanca e indifferente
Mi sono messa troppo oro addosso
mi s’avvicina un tipo brutto e grasso
mi chiede se lì vicino c’è un gabinetto
Sarà meglio sognare,
e sognare, e sognare
e sognare dei topi che mangiamo gatti
o dei pettirossi che mangiano falchi e poi…
rubare il vento a un aquilone
gridare senza una ragione
correre forte come pazzi
a piedi nudi sopra i sassi
vivere adesso e non domani
come gli zingari sul prato
bere la piggia dalle mani…
E questa voglia di ballare
sopra una nuvola sul mare
tra due roccie sotto il sole
mentre qualcuno spacca un cuore
e questa voglia di giocare
senza più guanti con la neve
morire prima d’invecchiare
Non ho più il terrore
di essere normale
di essere normale…
di essere normale…

1994 - Insieme senza parole (Un disco per l'estate)

Giochero' domani un po'
giochero' con un amico
o con un cane
ma stasera canteo'
cantero' senza parole una canzone
a... oa... oa... oa...
a... oa... oa... oa...
insieme senza parole
rubero'
domani anch'io
questa estate partio'
per sentire poi la voglia
di tornare
comprero' l'amore anch'io
se avro' bisogno di coraggio
e di godere
ma stasera cantero'
cantero'
senza parole una canzone
ma stasera cantero'
cantero'
senza parole una canzone
a... oa...oa... oa...
a... oa... oa... oa...
insieme senza parole
cantero' tra tanta gente
cantero' tra le tue mani
ma stasera cantero'
a... oa... oa... oa...
a... oa... oa... oa...
giochero' domani un po'
cantero' tra tanta gente
cantero' tra le tue mani
ma stasera cantero'
cantero' tra tanta gente
cantero' senza parole
una canzone
insieme senza parole
insieme senza parole
a... oa... oa...
ma stasera cantero'
giochero' domani un po'
cantero' tra tanta gente
cantero' tra le tue mani
ma stasera cantero'
cantero' tra tanta gente
cantero' senza parole
una canzone
giochero' domani un po'
cantero' tra tanta gente
cantero' tra le tue mani
ma stasera cantero'
cantero' tra tanta gente
cantero' senza parole
una canzone
a... oa... oa... oa a...
oa... oa... oa...

martedì 28 gennaio 2020

Massimo Bizzarri - discografia


Massimo Bizzarri (Acquasanta Terme, 22 luglio 1948) è un cantautore e compositore italiano. Debutta nel 1965, partecipando al Festival degli sconosciuti di Ariccia.
Compagno di scorribande di Piero Ciampi ne diviene l'erede.




1983

Ma tu ci credi tu
Coraggio uomo
Canzone per Piero Ciampi
L'etilista
La verità
Sesso
Amore amore amore mio
Un'osteria tra le stelle
Eppure ti amo





                                          







1990

Ferragosto
Ma tu ci credi tu
Legione straniera
Malaga
Umida orchidea
Senza Titolo
Autunno del 58
Addio rivoluzione
Fregene










1993

Trastevere 90
Loco Amor
In questo mondo
Se ci fosse ancora Piero
Pepè le Mokò
Ragazzi colorati
L'elefante
Questo amore
Nostalgia