Lettori fissi

sabato 31 agosto 2019

Nicola Di Bari - album (parte 2)


Nicola Di Bari pseudonimo di Michele Scommegna (Zapponeta, 29 settembre 1940), è un cantautore italiano, è uno dei cantanti italiani più noti all'estero, in particolare in America Latina.


                                             


1977

E ti amavo
Gira la noria
Anna perchè
Bella e poi
I discorsi del mattino
Momento
La più bella del mondo
Amore ritorna a casa
Sotto i fiori del cielo
Estate indiana








1981

Passo dopo passo
Sud America
Concerto per Susanna
Io e te Maria
Giuro
Se
Giorni e giorni
Vivo a modo mio
Io penso a te
L'ultimo sognatore








1983

Anche senza di te
Io che amo solo te
Emozione ritrovata
Per chi non ha nessuno
Raffaella
L'amore è...
Amico caro
Senso d'incompiuto
Stasera ho un'idea
Un amore innocente








1986

Rosa
Ferma il fiume
Sorrento
Estupida
Io e te soli
La mia libertà
Tu me acostumbraste
Innamorarsi
Mare









1995


Il mondo è grigio il mondo è blu
I giorni dell'arcobaleno
Paese
La prima cosa bella
Giramondo
Una ragazzina come te
Era di primavera
Chitarra suona più piano
Vagabondo
Il cuore e' uno zingaro
Zapponeta
Ad esempio... a me piace il sud
Mare
Amore ritorna a casa



2000

Disco 1: La rima cosa bella - Il mondo gira - Agnese - Se mai ti parlassero di me - Paese - Ragazzo mio - Il cuore è uno zingaro - Zapponeta - Il mondo è grigio il mondo è blu - Una ragazzina come te - Lontano lontano - Mi sono innamorato di te
Disco 2: Vagabondo - Se stasera sono qui - I giorni dell'arcobaleno - Se potessi amore mio - Un uomo molte cose non le sa - Ti fa bella l'amore - Chitarra suona più piano - Cosi ti amo - Eternamente - Giramondo - Sai che bevo sai che fumo - Ho capito che ti amo

2001

Buon compleanno
Tuo per sempre
40 y 20
Anima mia
Mare
Sei mia
Caminito
Vento di mare
Rosa
Ballerò con te








2014

La mia verità
La gabbia dei ricordi
Olvidame
La prima cosa bella
Chitarra suona più piano
Che sarà
Anna
Ogni giorno è così
Amore amore amor
Il cuore è uno zingaro
El extranjero
Besame mucho
Solamente una vez






venerdì 30 agosto 2019

New Dada - discografia parziale




I New Dada sono stati un gruppo musicale italiano formato nel 1964 e scioltosi nel 1967, nascono all'interno di un istituto di ragioneria di Milano: sono sei ragazzi, Maurizio Arcieri, Renato "René" Vignocchi, Franco Jadanza (di origini padovane), Ferruccio "Ferry" Sansoni (di Sassari), Giorgio Fazzini e Riki Rebaioli, con la passione per la musica rock e beat; di essi solo Ferruccio "Ferry" Sansoni ha avuto una piccola esperienza musicale con il gruppo dei Dandies (con cui nel 1962 ha inciso un 45 giri per la Celson, Linda, di scarso successo). Vincono il Festival dei Complessi Beat di Rieti e, soprattutto, hanno l'opportunità di suonare come gruppo di spalla nella tournée dei Beatles e ciò li fa diventare molto conosciuti.

1965 – Ciò che fai/Domani si 

1965 – La mia voce/Domani si 
1965 – L'amore vero/C'è qualcosa 

1966 – Non dirne più/Batti i pugni 

1966 – Batti i pugni/Sick and tired 
1966 – T Bird/I'll go crazy 

1967 – Lady Jane/15ª frustata



1966 

I'll go crazy
15a frustata
Who'll be the next in line
Batti i pugni
Lawdy miss clawdy
L'amore vero
T bird
Non dirne più
La mia voce
Jenny Jenny
Domani si
C'è qualcosa

giovedì 29 agosto 2019

Sergio Caputo al Festival di Sanremo


Sergio Caputo (Roma, 31 agosto 1954) è un cantautore e musicista italiano.


1987 - Sergio Caputo con "Il Garibaldi innamorato"



E il Garibaldi fissa il mare
e tira un sorso di rhum…
che di marsala qui all’Avana
non ne sbarcano più…
ripensa ai fichi d’India della terra natia…
le notti calde giù a Bahia
che malinconia.
E attacca banda, e se e’ una samba
sia suonata da Dio,
c’e’ il Garibaldi Innamorato
per le strade di Rio…
cappello a larghe falde,
e sotto un poncho marron,
e sotto il poncho, Anita mia…
batte un corasson…
Posso darti solo amore
tutto quello che vorrai
posso darti solo amore…
quando me lo chiederai.
Chi va la…
viva Garibaldi
uè paisà… fuoco a volontà…
Che clamor!
viva Garibaldi
si, senor!… el conquistador…
E il Garibaldi e’ ricercato
in tutti i mari del sud,
ma non si può tagliar la barba
per questioni di look…
Anita dice “Peppe quando gioca il Brasil…
si va a vederlo in Italy…
pensaci Peppi’!”
Posso darti solo amore
tutto quello che vorrai
si, lo so, non e’ questione
io non mi sbilancio mai.
Chi va la
Supergaribaldi
ullalla’ el conquistador
Uè paisà…
proprio il Garibaldi
si, senor!… proprio quello la…
Chi va la, sempre Garibaldi
uè paisà… fuoco a volontà…
Che clamor… passa el Garibaldi
si senor!,… el conquistador…


1989 - Sergio Caputo con "Rifarsi una vita"



Fuori si fa sera…
che cosa c’e’ di strano…
fa sera tutti i giorni
da quando sono nato…
cosa c’e’…
Fuori si fa sera…
che guinness vuoi bruciare
a spingere le porte
con scritto su “Tirare”…
cosa fai…
E i Frankenstein nascosti nell’armadio
palloni che non hanno mai volato…
il clan dei panni sporchi
mi aspetta giù all’uscita…
che confusione… io…
vado a rifarmi una vita…
Fuori si fa sera…
che luna pensierosa…
vorrei dimenticare…
ma non ricordo cosa…
dove sei…
Torni dalla pioggia…
ti offro un temporale…
dov’e’ che sei ferita…
dov’e’ che ti fa male…
dove vai?
Il clown che stai cercando ha traslocato
chissà su quale nave s’e’ imbarcato…
se trovi l’eldorado
mi mandi una pepita…
scusa un momento… io…
vado a rifarmi una vita…


1998 - Sergio Caputo con "Flamingo"



Flamingo, Flamingo...
da quanto tempo sono qui...
Flamingo, Flamingo
perchè ci guardano cos?...
coi tuoi santi da juke-box
freschi di lavanderia...
ma è la rumba d'altri film
che ci fa volare via...
e le foto senza flash
fra le braccia del via vai...
e quei ritmi di bayon
che sbagliare mi fai
Flamingo, Flamingo...
ma questo posto che cos'è
Flamingo, Flamingo
che tutti parlano da sè
se io non fossi qui
e tu non fossi tu...
sarebbe un'altra vita...
con tante vie d'uscita...
degli anni fuori sync
c'è solo il de-ja-vu
un altro margarita
e un po' di sale in piu...
Flamingo, Flamingo...
c'è troppa luce in questo bar...
Flamingo, Flamingo
la gente se ne accorgere...
Flamingo, Flamingo...
con quegli zombie che ci fai
Flamingo, Flamingo...
quelli ci mangiano, lo sai....
se c'è una stella in più...
se c'è una stella in più...
vorrei che fosse mia...
vorrei che fosse mia...
la vedi la città
che luccica laggi?...
l'amavo alla follia
ma adesso chi lo sa...
Flamingo, Flamingo
perchè non guardi dove vai...
Flamingo, Flamingo
ma non lo vedi come fai...
la chitarra suona un riff
pieno di malinconia
ma è la pioggia d'altri film
che ci sta portando via...
no, che il mio cuore non è qui
fra l'inferno e la routine
c'è rimasta l'allegria...
no, che toccarla non si può
quella luna rosso shock
che dormire non ci fa...
Flamingo, Flamingo...
da quanto tempo sono qui...
Flamingo, Flamingo
perchè ci guardano cosè...

mercoledì 28 agosto 2019

Francesco Sarcina al Festival di Sanremo


Francesco Sarcina (Milano, 30 ottobre 1976) è un cantautore e chitarrista italiano, frontman del gruppo musicale pop rock Le Vibrazioni.


2005 - Francesco Sarcina con Le Vibrazioni con "Ovunque andrò"



Sai che
È difficile non averti e...
Dover sorridere alla gente che
Non sa della mia vita intima
Si aspettan che li faccia ridere
Mentre tu vai via!
E vado via per difendermi
Ma ovunque andrò so che io ti penserò
Sperando che per te sia identico
Ascoltami, le gioie non sempre son gratuite
A vote i mondi si contendono
Gli spazi vuoti di un deserto che
Non si vede ma senti che in fondo c'è
E non è semplice
E vado via per difendermi
Ma ovunque andrò so che io ti penserò
Sperando che per te sia identico
Ma cosa fai?! Non esiste che
Così da un giorno all'altro mi dici che
Ritorni indietro e forse ritornerai da me
Ovunque andrò
Ovunque andrò...
E vado via per difendermi
Ma ovunque andrò so che io ti penserò
Sperando che per te sia identico
Ma cosa fai?! Non esiste che
Così da un giorno all'aitro mi dici che
Ritorni indietro e forse ritornerai da me
Ovunque andrò
Ovunque andrò


2014 - Francesco Sarcina con "Nel tuo sorriso"



I sentimenti sono esposti come fragili corpi,
Che si nutrono di piccoli sogni ed innocue ingenuità,
E per questo io son qui.
Con le mie mani,
Sarò qui a darti forza e coraggio,
Per ogni passo incerto e per ogni giorno
Che il tuo sangue sarà il mio,
E così per sempre tu.
Torna il sorriso sul mio volto ad ogni tuo respiro
Ed il mio cuore è quello di un guerriero
Che difende il mondo, sì, il mondo intero
E che sarà di certo il tuo,
Nel tuo sorriso.
Ma se mai dovesse venire meno la mia forza e presenza,
Tu promettimi di lasciare un posto,
Un posto nel tuo cuore dove possa stare ancora io.
Torna il sorriso sul mio volto ad ogni tuo respiro
Ed il mio cuore è quello di un guerriero
Che difende il mondo, sì, il mondo intero
E che sarà di certo il tuo,
Nel tuo sorriso.


2018 - Francesco Sarcina con Le Vibrazioni con "Così sbagliato"



L'alba che scopre il mio viso
Sono sveglio e mi vesto nel posto
Sbagliato
Così sbagliato
Scusa mi sono distratto
Ti ho lasciato da sola al momento
Sbagliato
Forse ho sbagliato
I taxi delle sei
Panchine vuote
E la mia barba dentro le vetrine
Ma tu che colpa hai
Se sono io sbagliato, sbagliato, sbagliato?
Portami a casa
Salvami ancora
Da queste mani fredde e viola
Riportami a casa
Perché ho paura di me
Tienimi stretto al buio e dimmi
Che mi vuoi bene anche così
Mi vuoi bene anche così
I miei castelli di carta
I miei occhi da pugile al bordo
Sbagliato
Così sbagliato
E la mia abilità di farmi male
Quando mi sento figlio e sono un padre
E tu mi dici che
Non è così sbagliato, sbagliato, sbagliato
Portami a casa
Salvami ancora
Da queste mani fredde e viola
Riportami a casa
Perché ho paura di me
Tienimi stretto al buio e dimmi
Che mi vuoi bene anche così
Mi vuoi bene anche così
Sbagliato, sbagliato, sbagliato
Nel mio vestito vuoto vicino a te
E tu mi raccogli comunque
In mezzo ai vetri e puoi farmi credere
Che sia perfetto anche così
Che mi ami anche così
Sbagliato
Portami a casa
E tu riportami a casa
Perché ho paura di me
Tienimi stretto al buio e dimmi
Che mi vuoi bene anche così
Mi vuoi bene anche così
Così sbagliato.

martedì 27 agosto 2019

Franco Califano al Festival di Sanremo


Francesco Califano, noto come Franco Califano (Tripoli, 14 settembre 1938 – Roma, 30 marzo 2013), è stato un cantautore, paroliere, produttore discografico, compositore, poeta, scrittore e attore italiano.


1988 - Franco Califano con "Io per le strade di quartiere"



Io, che andavo per le strade di quartiere
Io, con un penale tutto da pulire
Io, che non la davo vinta neanche morto (Ah, ah, ah)
Io, che mi hanno sempre tolto il passaporto (Ah, ah, ah)
Io, le donne mille corpi e nessun cuore
Io, che ormai mi stavo già lasciando andare
Io, di notte in giro il re dei disperati
Io, che ho riso sempre degli innamorati
Ma adesso ci sei tu, qui con me
Ed io non rido, ma al contrario vivo te
Ora che ci sei tu, che ci sei
Prendo il momento come meglio non potrei (ah, ah, ah)
Io, coi guai che mi potevano far male
Io, a vivere ma senza respirare
Io, con tanto di passato da scordare (ah, ah, ah)
Io, un uomo nuovo tutto da scoprire
Adesso ci sei tu, qui con me
Se mi vien voglia di cantare, canto te
Quando non ci sei tu, resto qui
L'amore cambia un uomo da così a così
Se mi vien voglia di cantare, canto te
Quando non ci sei tu, resto qui
L'amore cambia un uomo da così a così


1994 - Franco Califano con "Napoli"



Guardo Venezia e vedo Napoli
Sarà la nostalgia del sud
Lo stesso mare malinconico
La cornice velata è quella
E la tela sbiadita come giù
Gondoliere ti prego accompagnami a Napoli
Una gondola giuro non corre pericoli
Se si arriva dal mare
Laggiù ti rispettano
Dal mare sì
Vivo a Venezia e penso a Napoli
Più il tempo passa e più è così
Ma il mio pensare è un’abitudine
Come un male che non mi passa
Come un male che non mi passa mai
Il pensiero consuma la strada per Napoli
E Venezia signora mi offre i suoi vicoli
Ma di più come può
Qui non fanno miracoli
Come a Napoli
A Napoli, a Napoli
A Napoli, Napoli
Grazie Venezia torno a Napoli
Ma un po’ di me lo lascio qui
E forse qui affiorano i miei limiti
Sono un uomo che torna indietro
Sono un uomo che vuol tornare giù
Gondoliere verrà un pescatore da Napoli
La sua barca non è bella come una gondola
Ma lui arriva dal mare
E tu allora rispettalo
è come te
A Napoli, a Napoli
A Napoli, a Napoli
A Napoli, a Napoli
A Napoli, a Napoli
A Napoli, a Napoli
A Napoli, Napoli.


2005 - Franco Califano con "Non escludo il ritorno"



Sai che io la notte non dormo
e ho voluto chiamarti
per sapere di te
non ti sento da tempo
in questi anni
ti ho pensato mille volte
ma non ho mai voluto telefonarti
mi rendo conto puoi credere
che non ha senso
tanto non c’e’ niente di logico
nell’esistenza
e mentre parli
la tua voce mi fa ricordare
quando eravamo piu’ giovani
e la vita era leggera
facevo tanti chilometri
per vederci la sera
ora sento
che quel sentimento
nel tempo non si e’ spento
nel cuore mio
e’ diventato piu’ profondo
non escludo il ritorno
e mentre parli
la tua voce mi fa ricordare
quando eravamo complici
e ti portavo al mare
ci sentivamo liberi
di navigare
ora sento
che quel sentimento
nel tempo non si e’ spento
nel cuore mio
e’ diventato piu’ profondo
questo e’ il motivo per cui
ti ho chiamato e’ l’istinto per dirti
non sono stanco
e’ stato un errore pensarlo
ma ora lo ammetto
anche se sono lontano
non escludo il ritorno
non escludo il ritorno

lunedì 26 agosto 2019

Giuliano e i Notturni - discografia parziale


Giuliano e i Notturni è un gruppo musicale italiano bubblegum pop e beat, attivo tra il 1968 e il 1969.

Nel 1968 esisteva già il gruppo dei Notturni, un nucleo di cinque elementi di origine vicentina (Oscar Sandri, Gianni Vettorel, Pierluigi Ronzan, Giuseppe Tognon e Roberto Gheraldi); ad essi fu aggregato il cantante Giuliano Cederle (noto anche solo come Giuliano), vincitore di 5 puntate di Settevoci e la nuova formazione prese il nome di Giuliano e i Notturni.





1969


Il ballo di Simone 
E sono solo
L'amore è difficile
Oggi sono tanto riste
Ieri ti ho detto di no
Non sai capire
Ragazzina, Ragazzina
L'ora di piangere
Tengo il tuo amor
Tu che conosci lei
La giostra della felicità
Prima di dormir bambina






1992

Il ballo i Simone
Ragazzina ragazzina
Oggi sono tanto riste
Calipso? si, como no
El baile de Simon
La giostra della felicità
E sono solo
L'amore difficile
Tu che conosci Lei
L'ora di piacere
Il mio viaggio
Ora no...
Il ballo di Simone (long edit vas)
 






1996

Il ballo i Simone
Ragazzina ragazzina
Oggi sono tanto riste
Calipso? si, como no
El baile de Simon
La giostra della felicità
E sono solo
L'amore difficile
Tu che conosci Lei
L'ora di piacere
Il mio viaggio
Ora no...
Il ballo di Simone (Long Edit Vas)

domenica 25 agosto 2019

Antonella Bucci - album


Antonella Bucci pseudonimo di Antonietta Buccigrossi (Hausham, 3 marzo 1971), è una cantante italiana.

Vince il "Festival di Castrocaro" nel 1988. Nel 1993, partecipa al "Festival di Sanremo". 
Nel 1995-1996 è l'animatrice musicale di "Domenica in". Nel 2003 partecipa a varie tappe dei concerti degli "O.R.O" sempre nel 2003 è in tour con "Eros Ramazzotti".
Nel 2010 partecipa a !European Athletics Championship". presenta ".





1993

Il mare delle nuvole
Dammi le mani
Cover girl
Scusa se esisto anch'io
C'è bisogno di cuore
Amici sì
Pensami adesso
Solo amore
Due o tre
Le ragazze crescono
E...




1996

Pioggia su di noi
L'angelo nero
Principessa
Dal centro dell'anima
I Tuoi "I love you"
Seguimi
Un amore +
Certe volte
Cercherò
Due al mare
Il mio amore per te




2010

Ahora tu
The game of life
Come together 
Che ne sai
Anima del mondo
Baciarti adesso
Lacrime sporche 
Per me
Adesso 6 
Mai diversa
Lascia andare
Come il sole all'improvviso