Lettori fissi

domenica 28 febbraio 2021

Rita Pavone - album e CD (parte 2)



Rita Pavone (Torino, 23 agosto 1945) è una cantante, attrice e showgirl italiana. Fu soprannominata Pel di carota per via del colore rosso della sua capigliatura. Dotata di una voce particolarmente acuta di soprano, nonché di un timbro caratteristico e personalissimo, ha pubblicato i suoi dischi in tutto il mondo, incidendo in sette lingue diverse, ed è una delle otto cantanti pop italiane a essere entrate in classifica nel Regno Unito.



1971 

Arriverciao
Finalmente libera 
Ma cos'è questo amore
Il mio uomo
Sono una nota
La suggestione
Come un tiranno
Ragazza di Ipanema
Quando una cosa va
Tra la la, felicità 
Se... casomai
Aquarius


1975 

Sapore di sale
Brucia 
Io che amo solo te
L'amore mio
In ginocchio da te
Che cosa c'è
Amore scusami
Baci 
Legata a un granello di sabbia
Città vuota
Stai con me 
Cuore 


1977 

Ma volendo
Ti perdo e non vorrei
Onestamente
Pomeriggio
Dimmi se non è un'idea
My name is potato
Pollicino e Pollicina
Viva evviva!! 
La pastasciutta del re
Lo farei
Siamo tutti Gian Burrasca


1979 

Blame it on the boogie
Circus music
Presto 
I love you so 
Je n'ai jamais fait l'amour
E' amore
Ovunque la notte 
Il mondo dei ragazzi
Dame baby poupèe
Ti perdo e non vorrei


1979 

Prendimi
Chi non cerca trova
Mettiti con me
Music is love
Amanda
Marilyn Monroe
Il Re
Fotoromanzo
Aiò - Diò (La leggenda)


1985 

Crisi d'identità
Eroi di carta
Equivoci (d'amore)
Fammi innamorare
My indian summer 
Come la prima volta
Particolari
Anni impazienti
Finito


1989 

Amore a metà
Donne ferme, donne che camminano
Seicento e più
Sua maestà, l'amore
Fammi andare
Gemma
Rimani
E... allora... cercasi
Come la prima volta
La valigia

1993 

CD 1 : Anni Impazzienti - Donne ferme donne che camminano - Come la prima volta - Amore a metà - La partita di pallone - Cocuzzolo della montagna - Il ballo del mattone - Che m'importa del mondo - Come te non c'è nessuno - Datemi un martello - La suggestione - Fortissimo - Viva la pappa col pomodoro - Geghegè

CD 2 : Cuore - Remember me - Lui - Fammi andare - La valigia - Finito - Gemma - Tango lambada


1997 

Come te non c'è nessuno
Che m'importa del mondo
Fortissimo
Viva la pappa col pomodoro
La partita di pallone
Solo tu
Lui
L'amore mio
Ahi ahi ragazzo
Cuore (versione dance)
La partita di pallone (versione dance)
Datemi un martello (versione dance)
Geghege (versione dance)
Il ballo del mattone (versione dance)
Qui ritornerà (versione dance)


2013 

Disco 1 : All nite long - By myself - I Want You with Me - Where is the one - Rainin' - What's the matter, baby? - I wonder who's kissing her now - If i never get to love you - Only one little item - Under your pell again - You're the reason i'm living - Since you've been gone - Once upon a time - Lazy river - The curtain falls 
Disco 2 : Sweet deejay gimme some swing - Ripartirò da me - Un film in anteprima (mia madre disse) - Dove sarà - Pioggia - Tu mi tieni... - Ma lei è lei... - Se potessi amarti ancora - Un buffo dettaglio - Sono fatti miei - Domande - Mille anni fa - È per te che io vivo - Sveglia vecchio fiume - Ho tolto il make-up 


2020 

CD 1 : Niente (Resilienza 74) - Come te non c’è nessuno - Pirulirulì (con Lucio Dalla) - Appassionati - Occhi miei - Que me importa el mundo - Arrivederci Hans - Now I lay me down to sleep - If you go  - Fortissimo - Se potessi amarti ancora - Il Geghegè  - Datemi un martello  - Kiddy Kiddy Kiss me - Dame, baby poupée - The Dove  - Try it and see - He’s got everything - Ballando sul prato 

CD 2 : Heart  - Io che amo solo te - You only you - The wrong side of love - Stop Stop Stop - Ovunque la notte  - Come la prima volta - Ti perdo e non vorrei - Scrivi! - Okay! Okay! - Get a hold of yourself - Wenn ich ein junge war - Recuerdame - Pioggia - Fammi andare - Un amante per ogni sospiro - La sai troppo lunga - Domani è primavera

sabato 27 febbraio 2021

Mia Martini - duetti anni 80/90


Mia Martini, pseudonimo di Domenica Rita Adriana Bertè detta Mimì (Bagnara Calabra, 20 settembre 1947 – Cardano al Campo, 12 maggio 1995), è stata una cantante italiana e in alcune occasioni anche cantautrice.


1982 - Con Mimmo Cavallo "Tutto quello che farai"

1982 - Con Anna Oxa e il Banco del Mutuo Soccorso "I vecchi"

1982 - Con Eros Ramazzotti e Anna Oxa "E non finisce mica il cielo/Io no"

1983 - Con Loredana Bertè "Dedicato"

1989 - Con Drupi e Mario Maglione "Reginella"

1990 - Con Gianni Morandi "Medley"

1990 - Con Dee Dee Bridgewater e Toots Thielemans "Imagine" 

1992 - Con Roberto Murolo "O’ Marinariello"

1992 - Con Enzo Gragnaniello "Donna"

1993 - Con Arrigo Cappelletti "Anna Verrà"

1994 - Con Arrigo Cappelletti "Emozioni"

1995 - Con Ivana Spagna e Barbara Cola "Si può dare di più"

1995 - Con Loretta Goggi, Ivana Spagna e Barbara Cola "Maledetta primavera" 

1995 - Con Michele Zarrillo e Giorgia "Medley Sanremo"

1995 - Con Michele Zarrillo e Giorgia "Cinque giorni"

venerdì 26 febbraio 2021

Andrea Mingardi - album e CD (parte 2)


   Andrea Mingardi (Bologna, 1º agosto 1940) è un cantautore italiano.



1994 

Questa città
Amare amare
200 milioni di posti
Sai ragazzo
La mafia siamo noi
Sempre e mai
Uomo vivo uomo morto
La vita è così
Sto con te
Mi manca il cielo
Futuro futuro


1996 

Fa una cosa giusta
Si sente dire in giro... 
Raggio di luce
Vedi... vedi
Stringimi 
Paura di volare
Affari di cuore
La media del 6
Tutti fuori


1997 

C'è un boa nella canoa
E la radio va
Se tu esistessi
Oh mamma
Questa notte ho te
Ah si l'amore
Cosa si fa dove si va
Chissa'
Lieto fine
Va bene...cominciamo!


1998 

Canto per te
Il fiume nero dell'anima
Amare amare
Va bene...cominciamo (Time)
Futuro futuro
Andremo in cielo a piedi (Siamo angeli)
Questa città
Io vivro' (Senza te)
Con un amico vicino
200 milioni di posti
Sogno
Tutti abbiamo una canzone
La vita è così
Siamo angeli (Andremo in cielo a piedi)


2000 

Gig 
Fat mandèr da to mama a tór dal lat 
Socc'mel
A io' vèst un Marziàn 
La Fira ed San Làzer 
Benéssum!
TV 
Dal tajadèl 
Cara Uga
Bulàggna l'è cambiè 
Gisto e Cesira
Ubaldo
Ho sposato una femmina francese
Il conte Ugolino 
Lùnapop opinion


2004 

È la musica
Si può far gol
The way you make me feel
A whiter shade of pale
Bella ciao & (Ghost) Riders in the sky
E ti parlo di domani
Testimone
Have you ever seen the rain
Io amo James Brown
Everybody's talking
Smoke on the water
Guai
I'm easy
Contro


2006 

Funky funky (remix)
Capufezzi
Sfighe'
Xa vutt dalla vetta (remix)
Un piasarè
Ninna nanna
Piran al boxur
Ti un urineri
Settico blues
I vich ien sempar soul

2006 

Siamo tutti negri 
La partita 
Calciopoli blues (
Le donne 
Se fossi una donna 
La pubblicità 
Vola colomba
Lettera d'amore 
Bar sport 
La glottologia
Supersonic band 
Alfa Sud 
Orgasmo di massa
Tutti in una notte 
Pensierini della notte 

2007 

Let the good time roll
Halleluja, i love her so
Mary Ann
Crying time
Georgia on my mind
Let's go get stoned
I got a woman
Alexander's ragtime band
Eleanor Rigby
Busted
Bye bye love
What'd i say


2012 

Tanti auguri
Cancelliamo gli anni duri
La vita è bella
Così com’è
Tanti auguri a te
Tanti auguri
Auguri auguri auguri

giovedì 25 febbraio 2021

Ruggero de I Timidi - singoli


Andrea Sambucco, noto anche con lo pseudonimo di Ruggero de I Timidi (Udine, 9 luglio 1975), è un comico e cantante italiano.

2013 – Timidamente io

2013 – Pensiero intrigante

2013 – Banana Juice (con Vallanzaska)

2013 – Padre e figlio

2014 – Quello che le donne dicono

2014 – Voglia d'amare

2015 – Frutto proibito

2015 – Toy Boy

2016 – Torna!

2016 – Natale al Motel

2017 – L'estate del reggaeton

2018 – La canzone dell'estate

2019 – Mano amante mia

2019 – Sessone (con Auroro Borealo)

2020 – Anche quest'estate si tromba dalla prossima

mercoledì 24 febbraio 2021

Marco Armani al Festival di Sanremo


Marco Armani (nome d'arte di Marco Antonio Armenise; Bari, 14 giugno 1961) è un cantautore, musicista e arrangiatore italiano.


1983 - È la vita

Bello il tuo sorriso bianco
È come un raggio caldo rubato al sole
Venti caldi i tuoi vestiti
E calze di petali inventerò
Dolce odore di bagnato
Di campo coltivato, canne di bambù
Grandi strade e tanta la gente
Che vive ogni giorno la vita com'è
È la vita (è la vita), è la vita (è la vita)
Questa giostra da sempre unita
Carrozzone un po' sfasciato
Che perde il passato
È la vita (è la vita), è la vita (è la vita)
Vincerò questa partita
Vestirò d'estate il mondo
Rimanimi accanto
Ore passate in bicicletta
A pedalare in fretta per arrivare su
Finti alberi fra le montagne
Che rubano al sole il calore che dà
È la vita (è la vita), è la vita (è la vita)
Questa giostra da sempre unita
Carrozzone un po' sfasciato
Che perde il passato
È la vita (è la vita), è la vita (è la vita)
Vincerò questa partita
Vestirò d'estate il mondo
Rimanimi accanto, no
È la vita, è la vita
È la vita (è la vita), è la vita (è la vita)
Vincerò questa partita
Vestirò d'estate il mondo
Rimanimi accanto
È la vita, è la vita
È la vita (è la vita), (è la vita)
È la vita, è la vita


1984 - Solo con l'anima mia

E c'è il sole che va via
C'è una luna che è già qua
Lei che sale sopra a un tram
Ma dove va
Il buio riempie la città
Inventa ombre
C'è la mia
Che mi guarda
A un certo punto
Scappa via
Tutti a dirmi
Non si può
Per un amore non si può
Stare fuori se fuori piove
Torna a casa tua
Ma stasera resto qui
Non mi muoverò da qui
Forse morirò
Per un tram che è
Andato via
C'è né un altro che è
Già qua
E chissà dove si è fermato
O cosa fa
Magari è lì con gli occhi chiusi
Come in un film
Con gli occhi chiusi
Il naso appiccicato al finestrino
E comunque resto qui
Non mi muoverò da qui
Forse morirò
Io morirò
Solo con l'anima mia
Mentre corre sulle rotaie
Corre via
Solo e la notte è già qua
Luna dimmi che sai dov'è
Che tornerà
Ma tu vai a cercarla dappertutto
Tranne qua
Io sono io
Aspetto qua
Se potessi per un istante
Sotto una luna cosi' grande
Essere un mago
Volare sulla città
Passare attraverso i muri
Vederla anche ad occhi chiusi
Girare la testa e trovarmela vicino
Chissà se lei lo sa
Che è da ieri che aspetto qua
E che morirò
Io morirò
Solo con l'anima mia
Mentre corre sulle rotaie
Corre via
Solo e la notte già va
Luna dimmi che sai dov'è
Che tornerà
Tu prendila e portala via
Questa notte fa male
Come una bugia
Ma cos'è quella luce
Sta arrivando un tram
Ma si c'è qualcuno
Che scende veloce
Chi lo sa
Eccola
Io sono qua
Yeah
Tu ru du tu du tu tu tu uu
Solo con l'anima mia.


1985 - Tu dimmi un cuore ce l'hai

Noi restiamo qui ad aspettare
un'alba che non deve mai arrivare
ho i brividi di freddo
cercando un posto per conoscerci
e con le spalle che si toccano
col naso rosso che ti gocciola
siamo finiti qui
a confidarci con le nuvole
è distante la città
c'è chi balla e c'è chi va
e c'è chi ha bevuto
e chi un cuore non ha
e chi sta dormendo
e chi l'amore fa
ma tu dimmi un cuore ce l'hai
tu che non ti fermi mai
senza parlare mi vuoi
tu che mi fai volare
ma dimmi un cuore ce l'hai
un cuore vero per noi
che spinga più forte
e che non si fermi mai
eh mai sì
tu che mi fai volare
ma si che un cuore ce l'hai
un cuore vero per noi
che batta più forte
e che non si ferma mai
e poi non è così difficile
sognare ad occhi aperti è facile
ho voglia di restare
tu ferma il mondo io
io scendo qui
è vicina la città
fuori è l'alba
eccola qua
e ancora cadi nel freddo
con un sorriso in più
abbiamo tutto il tempo
che puoi darmi tu
ma dimmi un cuore ce l'hai
tu che non ti fermi mai
senza parlare mi vuoi
tu che mi fai volare
ma si che un cuore ce l'hai
un cuore vero per noi
che spinga più forte
e che non ci fermi mai
eh sì yeah
tu che non mi fai sempre volare
ma si che un cuore ce l'hai
un cuore vero per noi
che batte più forte
e che non ci fermi mai
yeeh yeeh mai
che non ci fermi mai
che non ci fermi mai
che non ci fermi mai
mai
yeeah yeeah.


1986 - Uno sull'altro

Forse non è stato un caso
Che noi ci troviamo qui
Sotto un cielo senza stelle.
Nelle tasche frasi nuove
Solo piene di perché,
Questo giorno che sembrava uguale agli altri
Ci catturerà di più.
Uno sull'altro
Senza chiederci perché,
Troppo romantico
Questo sembrerà
Per chi non è mai,
Mai stato come noi.
Ma noi,
Noi ci stiamo già innamorando,
In un corteo che va
Per le strade della città.
Ma tu
Che in amore chissà se hai pianto,
Tu spiegami perché
Le tue mani cercano me.
Pelle bianca, mi hai colpito,
Questa volta hai vinto tu,
Anche il sole l'ha capito,
Ora non ti lascio più.
Uno sull'altro
Senza chiederci perché,
Troppo romantico
Questo sembrerà
Per chi non è mai,
Mai stato come noi.
Ma noi,
Noi ci stiamo già innamorando,
In un corteo che va
Per le strade della città.
Ma tu
Che in amore chissà se hai pianto,
Tu spiegami perché
Le tue mani cercano me.
Ma noi,
Noi ci stiamo già innamorando...


1994 - Esser duri

Esser duri
Con se stessi esser rigidi
Esser duri
Con se stessi esser critici
Cerco
Il meglio dentro di me
Poi è la vita
Che mi porta con sé
Esser duri
Stare attenti
Esser vigili
Esser forti
Ma sempre disponibili
Cerco
Il meglio dentro di te
Poi è la vita
Che mi porta con sé
E non si vince
E non si perde
E non so che cosa farò
Vivo la vita
Vivo cercando
Non so cosa diventerò
Dolce
E cattiva com'è
è la vita
Che ci porta con sé
Esser svegli
Dai compromessi
Esser liberi
Esser svegli
Ma sempre disponibili
Cerco
Dentro e fuori di me
Poi è la vita
Che mi porta con sé
E non si vince
E non è senza dolore
E non so che cosa farò
Ma io so bene
Il bisogno d'amore
Cerco sempre di darne un po'
Dolce
E violenta com'è
è la vita
Che ci porta con sé
Dolce
E violenta com'è
è la vita
Che ci porta con sé

martedì 23 febbraio 2021

Gli Opera al Festival di Sanremo


Gli Opera (nella foto la formazione originaria) sono stati un gruppo musicale pop italiano, attivo tra il 1975 e il 1985.


1976 - L'ho persa ancora


Cosa aspetto a far l’amore io? 
Se si sveglia mi dice di no 
È ad un millimetro dal corpo mio 
Però 
L’ho persa ancora 
È vero son poco per lei 
L’ho persa ancora 
Peccato peccato che noi 
Noi parliamo dell’amore quando non c’è più. 

Ogni foglia che perdevi era una virtù 
Poi d’un tratto lungo i viali della poesia 
Ti ricordi che non sei più mia 
E noi noi parliamo dell’amore quando non c’è più 
Senza sprechi di pudore come lo vuoi tu 
Sai voltare il tuo cuscino per l’eternità 
Tanto un giorno viene e l’altro va. 
Per mille anni 
Leggendo nel sonno di lei 
L’ho persa ancora 
Peccato peccato che noi 
Noi parliamo dell’amore quando non c’è più.


1979 - Il diario dei segreti


Mentre tu stai dormendo
Mi alzo già
Cerco il tuo diario
Prendo la chiave dentro i tuoi blue-jeans
Chiara la tua calligrafia
La vita tua ora è mia
Nel tuo diario leggo che
Vuoi far l'amore insieme a me
E piano piano scopro tutti i tuoi segreti
C'è scritto un nome, il nome mio
La foto insieme tu ed io
Se non è amore dimmi questo che cos'è
Nel tuo diario leggo che
Vuoi far l'amore insieme a me
Sfoglio le tue poesie lasciate a metà
Belle come la tua età
Ti voglio dare dieci in amore
Nel tuo diario leggo che
Vuoi far l'amore insieme a me
E piano piano scopro tutti i tuoi segreti
C'è scritto un nome, il nome mio
La foto insieme tu ed io
Se non è amore dimmi questo che cos'è
Nel tuo diario leggo che
Vuoi far l'amore insieme a me
Ti cerco al buio e tremo come un bambino
Poi vengo più vicino a te
Ti prendo piano e sento che anch'io ti amo.


1981 - Guerriero


Vai hai lasciato il profumo di lei
Hai sentito il sapore che ha
E la notte più chiara sarà
Fra le luci di questa città

Ogni sera una donna di più
Nell'amore il più forte sei tu
E ti piace giocare se sai
Che sarai
Ma il pensiero non si fermerà
Il ricordo si trasformerà
Per le strade di questa città
Corri già verso casa da lei
Che ti aspetta ogni sera e non sa
Quale sia la tua folle realtà
Forse, dentro il tuo letto,chissà
Dormirà
Guerriero tu che non hai mai paura
Guerriero se la notte è già più chiara
Guerriero corri presto corri in fretta
Guerriero c'è una donna che ti aspetta
Guerriero sul suo seno profumato
Guerriero nel suo sguardo un po' assonnato
Guerriero nella sua malinconia
Guerriero è la tua donna: non tremerà
Se la tua mano la sfiorerà.

lunedì 22 febbraio 2021

Gianni Nazzaro al Festival di Sanremo


Gianni Nazzaro, all'anagrafe Giovanni Nazzaro (Napoli, 27 ottobre 1948), è un cantante e attore italiano.


1970 - L'amore è una colomba


L’amore è una colomba
Che trema già nelle mie mani
L’amore è una canzone
Leggera come un petalo di rosa al mattino
Non dimenticare non mi far soffrire
Io t’amo sempre da morire
Non coprirmi il sole con le tue parole
Ripeti ancora che cos’è
L’amore è una colomba
L’amore è una canzone
Io morirò di sentimento
Io sbaglierò ma non mi pento
Io sono un soffio tu sei la luce
Com’è lontano il primo bacio
Ora che farò se mi dici addio
Amore grande amore mio
Di lasciare te l’ho pensato anch’io
Ma poi mi hai detto che cos’è l’amor
L’amore è una colomba
L’amore è una canzone
Io morirò di sentimento
Io sbaglierò ma non mi pento
L’amore è una colomba
Che trema già nelle mie mani.


1971 - Bianchi cristalli sereni


Sono i tuoi occhi
Due bianchi cristalli sereni
Mentre cammini nell'aria di questa mattina
Senti
Ti dico
Sono innamorato
Sono innamorato di te
Tu non rispondi i tuoi occhi gelosa nascondi
Io posso amarti io posso perfino sognarti
Io posso amare l'azzurro del mare
Ma non sono amato da te
Ma non sentir l'incanto di un'aria profumata
Che ti porta le note di questa serenata
Fa che ritorni da me
Con un sorriso d'innamorata
Ed io t'aspetto sperando come ogni mattina
Ecco che arrivi tremando mi vieni vicina
Tu sei l'amore e con il mio cuore io non posso amare che te
Hai sentito l'incanto di questa serenata
Come un miracolo tu la mia preghiera hai ascoltato
E sei venuta da me
Con un sorriso
D'innamorata


1972 - Non voglio innamorarmi mai


Aveva la mia età
Dieci anni o poco più
E un giorno la sposai per gioco
La prima delusione
Fu quando mi lasciò
Per inseguire un aquilone
Poi venne un giorno che
Non scorderò mai più
Mio padre andò per la sua strada
L'amore è un'avventura
Non so, però futura
E ad una stella dissi no
Non voglio innamorarmi mai
Il cuore mio lo sa
Un vagabondo è l'amore
Tutto prende e niente dà
Ma tu chi sei, ragazza mia
È inutile che stai nei sogni miei
Non voglio innamorarmi mai
È triste ma è così
Un vagabondo è l'amore
Che per caso adesso è qui
Perché per far l'amore
Si muore d'emozione
La vita, in fondo, è una canzone
E se il mio cuore batte
Più forte accanto a te
Non so spiegarmi che cos'è
Non voglio innamorarmi ma
Io mi domando se
Un sentimento
Quando sboccia viene a dirlo proprio a me
Ma tu chi sei, ragazza mia
Perché senza di te scompare l'allegria
Non voglio innamorarmi mai
No, so che morirei
Un vagabondo è l'amore
E vive in fondo agli occhi tuoi...


1974 - A modo mio


Io nella vita ho fatto un po di tutto
non so se ho fatto poco oppure tanto
non sono stato un santo e questo
lo sa pure dio lo sa pure dio
ho camminato con la pioggia e il vento
ho riso spesso e
qualche volta ho pianto
e cento e mille volte son
rimasto solo io
e me la son cavata sempre a modo mio
a modo mio a modo mio
che tu ci creda o no a modo mio
a modo mio a modo mio
avro sbagliato ma a modo mio
e tu che sei comparsa tutta a un tratto
e in un momento hai colorato tutto
tu sei diversa sei importante ed
ho paura io ho paura io
e chissa se riusciro’
a dirti che ti amo a modo mio
a modo mio a modo mio
per una volta ancora a modo mio
a modo mio a modo mio
poi se venuta tu amore mio
a a a a a a a a a a a a a a a a
a a a a a a


1983 - Mi sono innamorato di mia moglie


Io che faccio notte dove non ti mandan via
io che mangio aria per non stare a casa mia
con tutte le avventure che il mio cuore ancora accoglie
mi sono innamorato di mia moglie.
Io che avevo occhiaie che non si erano mai viste
io che non avevo il tempo per sentirmi triste
io che me le son levate tutte le mie voglie
mi sono innamorato di mia miglie.
E' la verità
è la verità
mai non dire mai la verità
perché le donne sanno quel che fai
ma con le donne chi non sbaglia mai.
E quando stamattina glielo sono andato a dire
aveva gli occhi esatti di una che non vuol sentire
e poi mi ha detto scusami ma io ti ho già tradito
mi sono innamorata e te lo dico.
E come se mi fosse capitato un incidente
volevo far chissà che cosa e non ho fatto niente
comunque più mi brucia e più nessuno me lo toglie
che sono innamorato di mia moglie.
E' la verità
è la verità
mai non dire mai la verità
perché le donne sanno quel che fai
ma con le donne chi non sbaglia mai.
E' la verità
è la verità
mai non dire mai la verità
perché le donne sanno quel che fai
ma con le donne chi non sbaglia.
Io che faccio notte dove non ti mandan via
io che mangio aria per non stare a casa mia
con tutte le avventure che il mio cuore ancora accoglie
mi sono innamorato di mia moglie.
Con tutte le avventure che il mio cuore ancora accoglie
mi sono innamorato di mia moglie,
mi sono innamorato di mia moglie
mi sono innamorato di mia moglie.


1994 - Una vecchia canzone italiana


Terra distesa nel mare
che in ogni canzone
ci parli d’amore
terra di grano e di fiori,
di sole, di vino,
di spine e di allori
terra che resti nel cuore
di chi per un sogno
ti deve lasciare
ogni paese ha una festa,
una banda che suona…
una piazza, un caffe’
terra di santi e poeti
de’ troppi mafiosi
e pochissimi preti
terra di mille stranieri
che trovano amore
e non partono piu’
terra che resti into core
d’a ggente che parte
pe’ terre luntane
ma in ogni posto del mondo
dovunque tu vada…
da solo non sei.
Sentirai
una radio che suona lontana
cantera’
una vecchia canzone italiana
rivedrai
un balcone affacciato sul mare
una canzone non chiede di piu’
ti porta dove vuoi tu.
Ma che cos’e’ una canzone
e’ una storia che nasce
da ogni emozione
e ci accompagna la vita
da quando si nasce
a quando e’ finita
voce di popoli stanchi
da’ forza a una idea
che non muore piu’
e in ogni casa del mondo
arriva volando…
dipinta di blu.
Sentirai
una radio che suona lontana
cantera’
una vecchia canzone italiana
rivedrai
in attimo il tuo primo amore
passano gli anni e la vita pero’…
una canzone no.
Sentirai
una vecchia canzone italiana
cantera’
da una radio che suona lontana
rivedrai
un balcone affacciato sul mare
una canzone non chiede di piu’
ti porta dove vuoi tu.
Passano gli anni e la vita pero’…
una canzone no.

domenica 21 febbraio 2021

Zibba e Almalibre - album



Zibba e Almalibre è un gruppo musicale formatosi nel 1998 dall'incontro tra Zibba (Sergio Vallarino) ed Andrea "Bale" Balestrieri a cui si aggiungono Federico Manno alle chitarre e Massimiliano Rolff al basso. Questa è la formazione con cui pubblicano l'album di esordio L'ultimo giorno nel 2002.

Zibba e Almalibre suonano nel Concerto del Primo Maggio del 2003, aprono i concerti di vari artisti tra cui Goran Bregovic, Bandabardò, Africa Unite, Vinicio Capossela, Tonino Carotone e Gino Paoli.



2002 

Accendo la radio 
Allucinazioni 
L'ultimo giorno 
Nelle sere d'inverno 
Sara vola 
Dammi una ragione 
Anime in cerca di un chi 
Regina del film 
L'isola di mari 
Favole


2006 

Margherita 
Nella notte che verrà 
La fine di un se 
Le ultime dee 
Real 
Neve d'estate 
Anche se oggi piove 
Cielo 
Regalami di te 
La festa del vino 
In una notte con solo due stelle 
La karimba di Natale 
Un'altra canzone


2010 

Mahllamore 
Ordine e gioia 
Una parola, illumina 
La saga di Antonio 
Ammami 
Dauntaun 
Bon voyage 
Scalinata donegaro 
L'odore dei treni 
Soffia leggero 
Rockenroll 
Tutto è casa mia
Una parte di te 
Quattro notti 
Dove vanno a riposare le api

2012 

Nancy 
Come il suono dei passi sulla neve
Asti est 
Sei metri sotto la città
Prima di partire 
Aria di levante
Almeno il tempo
O mae ma 
Anche il lunedì
Dove i sognatori son librai
Salva


2013 

A Diano Marina 
E se domani 
Disertore 
Ciao ti dirò 
Senza parole 
Balla chi balla 
I sing ammore 
Pioggia di marzo 
Se ci sei 
O frigiderio


2014 

Senza di te 
Senza pensare all'estate 
Prima di partire 
La saga di Antonio 
Anche se oggi piove 
Dove i sognatori son librai 
Nancy 
Il mio esser buono 
Bon voyage 
Come il suono dei passi sulla neve 
Tutta l'aria che vuoi


2015 

Farsi male 
Muoviti svelto 
Ovunque 
Il sorriso altrove 
Che ore sono 
La medicina e il dolore 
Le distanze 
Santaclara 
Il giorno dei santi
Vengo da te


2018 

Quello che si sente 
Quando stiamo bene  
Dove si ferma il sole 
Quando abbiamo smesso 
Panorama 
Quello che vuoi 
Niente 
Le cose inutili 
Sesto piano 
Un altro modo  
La traccia che finisce il disco 
Un unico piccolo istante

sabato 20 febbraio 2021

Jimmy Fontana al Festival di Sanremo


Jimmy Fontana, pseudonimo di Enrico Sbriccoli (Camerino, 13 novembre 1934 – Roma, 11 settembre 2013), è stato un cantante, compositore e attore italiano.

1961 - Lady Luna

La città si è vestita di notte
senza voci
solo un semaforo giallo
sbadiglia il suo stanco
segnale laggiù
ed improvvisamente
appari tu…tu…tu…
Lady luna
capelli di seta scrlatti
respiro di caldi libecci
delirio di fuoco e di ghiaccio
che canta in me
grida in me
urla in me
oh! Lady luna
Lady luna
Lady luna
le immote pupille di giada
abisso di mare e di nebbia
tempesta d’amore e di rabbia
che canta in me,
grida in me
urla in me!
Oh! Lady luna
Lady luna
tu sei per me
nella vertigine
in cui precipito
senza sognar
laggiù
dove il mio incubo
splendida estasi diventerà.
Lady luna
capelli scarlatti di seta
azzurra visiuone drogata
cercandoti amandoti, odiando
precipito in te
vivo in te, muoio in te!..
Lady luna
Oh! Lady Luna …


1967 - Nasce una vita

Passano lenti i minuti
e tu soffri sempre di piu’
sei tanto bella
ora che da te
un’altra vita nascera’.
Quello che avevo io
l’ho dato a te
ma adesso tu mi dai
tanto di piu’.
Tu stai soffrendo
per amore mio,
la chiave della vita
e’ in mano a te.
Anche il mio grande amore
che cos’e’
di fronte a questa prova
che tu mi dai,
tu dell’amore sai
l’unica verita’
ed io
la imparo da te.
Tu stai soffrendo
per amore mio,
la chiave della vita
e’ in mano a te.
Anche il mio grande amore
che cos’e’
di fronte a questa prova
che tu mi dai,
tu dell’amore sai
l’unica verita’
ed io
la imparo da te.


1982 - Beguine

Da da da da da da
Da da da da da da
Da da da da da da
Da da da da da da
Da da da da da da
Da da da da da da
Da da da da da
Beguine
Ballavi una beguine
Ed io
Io ti stringevo a me
Era il tempo del primo sì
Questa notte è ancora qui
Tempo di beguine
E tu se puoi perdonami
Le carezze che ti rubai
Questa notte tu le riavrai
Notte di beguine
Se questa vita che va
Mi trascina con sè
E non trovo mai tempo
Di pensare a te
Nascondiamoci qui
Dentro questa beguine
Perché è tempo d'amore
D'amore ma
A chi ti chiede di me
Tu rispondigli che
Questa sera la voglio
Dedicare a te
E dividi con me
Tutti i ma e tutti i se
Nelle notti d'amore beguine
Balliamo una beguine
Vorrei
Che non finisse mai
Noi ci amiamo è tutto qui
Come al tempo
Del primo sì
Tempo di beguine
La tenerezza è beguine
La carezza è beguine
Ed il bacio è più lungo
A tempo di beguine
E la notte è beguine
Ed il vento è beguine
Nelle onde del mare c'è una beguine
Il respiro è beguine
E la vita è beguine
E l'amore è più dolce
A tempo di beguine
Il sorriso è beguine
E la gioia è beguine
Perché è tempo d'amore
La tenerezza è beguine
La carezza è beguine
Ed il bacio è più lungo
A tempo di beguine
E la notte è beguine
Ed il vento è beguine
Nelle onde del mare c'è una beguine
Il respiro è beguine
E la vita è beguine
E l'amore è più dolce
A tempo di beguine
Il sorriso è beguine
E la gioia è beguine
Perché è tempo d'amore


1994 - Una vecchia canzone italiana

Terra distesa nel mare
che in ogni canzone
ci parli d’amore
terra di grano e di fiori,
di sole, di vino,
di spine e di allori
terra che resti nel cuore
di chi per un sogno
ti deve lasciare
ogni paese ha una festa,
una banda che suona…
una piazza, un caffe’
terra di santi e poeti
de’ troppi mafiosi
e pochissimi preti
terra di mille stranieri
che trovano amore
e non partono piu’
terra che resti into core
d’a ggente che parte
pe’ terre luntane
ma in ogni posto del mondo
dovunque tu vada…
da solo non sei.
Sentirai
una radio che suona lontana
cantera’
una vecchia canzone italiana
rivedrai
un balcone affacciato sul mare
una canzone non chiede di piu’
ti porta dove vuoi tu.
Ma che cos’e’ una canzone
e’ una storia che nasce
da ogni emozione
e ci accompagna la vita
da quando si nasce
a quando e’ finita
voce di popoli stanchi
da’ forza a una idea
che non muore piu’
e in ogni casa del mondo
arriva volando…
dipinta di blu.
Sentirai
una radio che suona lontana
cantera’
una vecchia canzone italiana
rivedrai
in attimo il tuo primo amore
passano gli anni e la vita pero’…
una canzone no.
Sentirai
una vecchia canzone italiana
cantera’
da una radio che suona lontana
rivedrai
un balcone affacciato sul mare
una canzone non chiede di piu’
ti porta dove vuoi tu.
Passano gli anni e la vita pero’…
una canzone no.

venerdì 19 febbraio 2021

Cesare Cremonini - singoli



Cesare Cremonini (Bologna, 27 marzo 1980) è un cantautore italiano.

È stato il frontman del gruppo italiano "Lùnapop", che ha riscosso notevole successo con l'album "...Squérez?" vendendo oltre un milione e mezzo di copie. Nel 2002 il cantante ha annunciato ufficialmente lo scioglimento del gruppo, proseguendo nella sua carriera solista. Si è rivelato uno dei migliori autori e interpreti della canzone italiana.

2002 - Gli uomini e le donne sono uguali/Vieni a vedere perché

2003 - PadreMadre/Latin Lover
            

2005 - Marmellata/Maggese
            
2006 - Le tue parole fanno male/Ancora un pò/Dev'essere così
2008 - Dicono di me/Il primo bacio sulla luna/Le sei e ventisei

2009 - Figlio di un re/Il pagliaccio/L'altra metà
2010 - Mondo/Hello! 
2012 - Il comico/La teoria dei colori/Una come te
2013 - La nuova stella di Broadway/I Love You
2014 - Logico #1/GreyGoose
2015 - Io e Anna/Buon viaggio/Lost in the Weekend/Eccolo qua il Natale 
2017 - Poetica/Possibili scenari
2018 - Nessuno vuole essere Robin/Kashmir-Kashmir/Possibili scenari
2019 - Al telefono
2020 - Giovane stupida

giovedì 18 febbraio 2021

Orietta Berti al Festival di Sanremo


Orietta Berti, nome d'arte di Orietta Galimberti, (Cavriago, 1º giugno 1943) è una cantante italiana.


 1966 - Io ti darò di più 


Una volta
che è una volta
vorrei vorrei
non sbagliare
ma stavolta
non importa
per te spenderei
la mia vita
in cambio di niente
Io ti darò di più
io ti darò di più
di tutto quello che
avrò da te
e anche se tu
mi amerai
come non hai
amato mai
io ti darò di più
di più
molto di più.
Le parole
sono parole
e tu puoi anche
non credermi
ma fa niente
non fa niente
che vuoi che m’importi
un tuo dubbio
se resti con me
Io ti darò di più
io ti darò di più
di tutto quello che
avrò da te
e anche se tu
mi amerai
come non hai
amato mai
io ti darò di più
di più
molto di più.
Io ti darò di più
di più
molto di più
molto di più.

1967 - Io tu e le rose 


Prima di cominciare 
non c'era niente al mondo, 
ora ci sei tu 
per me c'è troppa gente, 
gente che vuol sapere 
perchè viviamo così. 
Io, tu e le rose, 
io, tu e l'amore, 
quando, quando 
tu respiri accanto a me, 
solo allora 
io comprendo d'esser viva; 
quando siamo 
io, tu e le rose, 
io, tu e l'amore; 
anche se cadesse il mondo 
quello stesso giorno noi 
saremo là 
io, tu e le rose 
Quando, quando 
tu respiri accanto a me, 
solo allora 
io comprendo d'esser viva; 
quando siamo 
io, tu e le rose, 
io, tu e l'amore, 
anche se cadesse il mondo 
quello stesso giorno noi 
saremo là 
io, tu e le rose. 
E se l'odio della gente 
ci terrà lontani 
resteremo noi 
io, tu e l'amore


1968 - Tu che non sorridi mai 


Ma tu che non sorridi mai 
e non mi guardi mai 
non mi fai vivere 
Perchè nascondi ciò che vuoi 
e cerchi più che mai 
la tua solitudine 
Dicono 
che da un sorriso 
può cominciare l'amore 
Ma tu che non sorridi mai 
se è vero che mi vuoi 
mi dovrai sorridere 
La vita è un sogno 
che voglio far con te 
se tu sorriderai a me
coro...
Perchè nascondi ciò che vuoi 
e cerchi più che mai 
la tua solitudine 
Dicono 
che da un sorriso 
può cominciare l'amore 
Ma tu che non sorridi mai 
se è vero che mi vuoi 
mi dovrai sorridere 
La vita è un sogno 
che voglio far con te 
se tu sorriderai a me

1969 - Quando l'amore diventa poesia 


Io canto il mio amore per te
questa notte diventa poesia
la mia voce sara'
una lacrima di nostalgia
non ti chiedero' mai
perche' da me sei andata via
per me e' giusto
tutto quello che fai
io ti amo
e gridarlo vorrei
ma la voce dell'anima
canta piano lo sai
io ti amo
e gridarlo vorrei
ma stasera non posso
nemmeno parlare
perche' piangerei
io canto la tristezza che e' in me
questa notte sara' melodia
piango ancora per te
anche se ormai e' una follia
non ti chiedo perche'
adesso tu non sei piu' mia
per me e' giusto
tutto quello che fai
io ti amo
e gridarlo vorrei
ma la voce dell'anima
canta piano lo sai
io ti amo
e gridarlo vorrei
ma stasera non posso
nemmeno parlare
perche' piangerei
io ti amo io ti amo


1970 - Tipitipitì


Quando tu mi venivi a cercare
ti aprivo la porta.
Mi dicevi se sei contenta ti porto in citta'.
Ogni volta ti ho detto di si
e venivo a ballare con te
mi ricordo che allora
l'orchestra suonava cosi'
Tipitipitipiti' dove vai,
Tipitipitipiti' cosa fai,
Tipitipitipiti' come mai
sei innamorata di lui.
C'era l'uomo dell'organino
che ci dava un biglietto blu,
c'era scritto 'ti vuole bene'
ma non era la verita'.
Tipitipitipiti' dove vai,
Tipitipitipiti' con chi sei,
Tipitipitipiti' come mai
lui questa sera non c'e'.
Come mai questa sera, maestro,
tu sbagli le note.
Con la gente che c'e'
ma perche', ma perche' guardi me.
Oramai l'hai capito anche tu
che l'amore per me non c'e' piu',
ma vorrei che l'orchestra
suonasse per sempre cosi'...
Tipitipitipiti' tipiti',
Tipitipitipiti' dove vai,
Tipitipitipiti' come mai
sei innamorata di lui.
C'era l'uomo dell'organino
che ci dava un biglietto blu,
c'era scritto 'ti vuole bene'
ma non era la verita'.
Tipitipitipiti' dove vai,
Tipitipitipiti' cosa fai,
Tipitipitipiti' come mai
tu stai piangendo con me

1974 - Occhi rossi 


Guardando gli occhi tuoi
Non m’ero accorta che
In fondo agli occhi suoi
Pioveva
Eppure era sereno
Azzurre eran le strade
Ma in fondo anche lui sapeva
Che la vera pioggia
Era dentro noi.
Occhi rossi
Tramonto d’amore
Il destino se l’è presa con noi
Occhi rossi
Al buio si muore
Ma il ricordo è la sola realtà
Quello che tu hai dato a me
Non puoi più darlo a nessuno
Tutto il resto
Sono giostre ed illusioni
Quello che tu hai dato a me
Non puoi più darlo a nessuno
Ecco perché il mondo
Cade intorno a noi
Negli occhi tuoi
Occhi rossi
Occhi rossi
Al buio si muore
Ma nel buio
Quel che è stato vivrà
Occhi rossi
Tramonto d’amore
Il destino se l’è presa con noi
Occhi rossi
Al buio si muore
Ma il ricordo è la sola realtà
Quello che tu hai dato a me
Non puoi più darlo a nessuno
Tutto il resto
Sono giostre ed illusioni
Quello che tu hai dato a me
Non puoi più darlo a nessuno
Ecco perché il mondo
Cade intorno a noi
Negli occhi tuoi
Occhi rossi


1976 - Omar 


Vai figlio mio vai
Omar
Vai per il mondo vai
Omar
Vai dove vuoi
Omar
Vai con chi vuoi
Omar
Io sono vecchia ormai
Omar
Tutto io t’insegnai
Omar
Giovane sei
Omar
Cerca una lei
Omar
Buona fortuna a te sangue mio
Tua madre è con te che nel mondo vai
Col tuo violino
Vai figlio mio vai
Omar
Vai per il mondo vai
Omar
Vai dove vuoi
Omar
Vai con chi vuoi
Omar
Fermati quando troverai
Una terra e una donna
Dove tu gettar potrai
Il tuo seme e poi
Aspettar dai fiori i frutti
Che tu coglierai
Vai figlio mio vai
Omar
Vai per il mondo vai
Omar
Vai dove vuoi
Omar
Vai con chi vuoi
Omar
L’India è negli occhi tuoi
Omar
Bello come gli dei
Omar
Forte tu sei
Omar
Uomo tu sei
Omar

1981 - La barca non va più 


C’era una volta un enorme veliero
pieno di vele di tutti i colori;
anche se a bordo l’umore era nero,
era allegrissimo visto da fuori.
Il capitano era un uomo panciuto
che non lasciava guidare nessuno
e se qualcuno gli offriva il suo aiuto,
lui lo spediva a trovare Nettuno!
I marinai eran lì a protestare
tutti quanti un po’ stufi di lui.
E cosa accadde? Che venne un tifone
che il timone alla nave spezzò
che dalla coffa qualcuno gridò!
E dalla coffa che cosa gridò?
Porca miseria, qui la barca non va più!
La cosa è seria: la tua barca non va più!
Oh, capitano, se non fai qualcosa tu
andiamo giù!
Porca miseria, qui la barca non va più!
La cosa è seria: la tua barca non va più!
Oh, capitano, se non fai qualcosa tu
andiamo giù!
Ci vorrebbero i delfini
per portarci un po’ più su!
Ma il capitano era proprio sparito,
s’era nascosto in cambusa in un mese
s’era mangiato dal forte appetito
quel che sarebbe bastato a un paese.
Tutto il paese? Ma cosa hai capito?
Questo è un modo di dire lo sai.
Non ci credo. Stai fermo col dito
e se zitto ascoltare saprai
com’è andata a finire vedrai.
A questo punto anche i suoi marinai,
che già da molto non eran contenti,
o incominciarono a fare dei guai
o a non far niente aspettavano i venti!
Era un disastro.
Vuoi dire un casino…
Non devi dire parole così!
Ti chiedo scusa, se sono un bambino,
ma siete voi che parlate così!
Ma cosa accadde?
Che si naufragò!
E dalla spiaggia qualcuno gridò!
Porca miseria, qui la barca non va più!
O capitano: la tua barca non va più!
E questo mare, dove ci hai portato tu,
non è più blu!
Porca miseria, qui la barca non va più!
O capitano: la tua barca non va più!
E questo mare, dove ci hai portato tu,
non è più blu!
In mancanza dei delfini
fai un bel tuffo, scendi giù!
Vanno bene anche i bambini:
vieni a spingere anche tu!
Dai!
Porca miseria, qui la barca non va più!
La cosa è seria: la tua barca non va più!
Oh, capitano, se non fai qualcosa tu
andiamo giù!
Porca miseria, qui la barca non va più!
La cosa è seria: la tua barca non va più
Oh, capitano, se non fai qualcosa tu
andiamo giù!


1982 - America in 


Io che son stonata e non lo dico,
suonavo il piano con un dito
e c’era un uomo innamorato
che mi diceva: “Senti un po’,
sei bella tu, son bello anch’io,
perché non ci mettiamo insieme,
come chi si vuole bene,
come chi sta sulla luna
e con un poco di fortuna
voleremo, voleremo,
finché un giorno arriveremo in
America… America… America…
fammi volare, volare, volare e allora…
America… America… America…
fammi cantare, cantare, cantare e allora…
Io volevo dirlo e non lo dico,
vorrei averlo come amico,
ma lui è sempre innamorato
e mi ripete: “Senti un po’,
sei bella tu, son bello anch’io,
perché non ci mettiamo insieme,
come chi si vuole bene,
come chi sta sulla luna
e con un poco di fortuna
voleremo, voleremo,
finché un giorno arriveremo in
America… America… America…
voglio cantare, cantare, cantare e allora…
America… America… America…
fammi volare, volare, volare e allora…
E mi diceva: “Senti un po’,
sei bella tu, son bello anch’io,
perché non ci mettiamo insieme,
come chi si vuole bene,
come chi sta sulla luna
e con un poco di fortuna
voleremo, voleremo,
finché un giorno arriveremo in
America… America… America…
fammi volare, volare, volare e allora…
America… America… America…
fammi volare, volare, volare e allora…
America… America… America…
fammi volare, volare, volare e allora…
America… America… America…

1986 - Futuro 


Il giornale che ci tortura,
Il Sudafrica fa paura,
Mentre il giorno diventa sera
In casa mia.
E i ragazzi son sempre quelli
Che si sentono forti e belli
In un mondo che cambieranno
E andranno via.
Ma c'è un re con un gran cavallo
Che decide quando si balla
E la storia che si ripete è sempre quella.
A voi russi o americani
Io non delego il suo domani
Su mio figlio non metterete le vostre mani.
Voglio ancora una vita e un aquilone,
Voglio ancora due sassi da buttare,
Dire sì, dire no, dire amore
E insegnarti che tu puoi volare.
Devi fare la guerra dei bottoni,
Devi avere la forza di cantare,
Figlio mio, neanche Dio può capire
Quanto è bello guardarti dormire.
Oggi è tempo di stare attenti
E non parlo dei delinquenti,
Questa volte non c'è Pilato,
è andato via.
Siamo tutti un po' responsabili
Se la vita sarà impossibile,
Non c'è un alibi che tenga alla follia.
E a quel re con un gran cavallo
Dico io quando si balla
E la storia che si ripete non sarà quella.
A voi russi o americani
Io non delego il suo domani,
Su mio figlio non metterete le vostre mani.
Voglio ancora una vita e un aquilone,
Voglio ancora due sassi da buttare,
Dire sì, dire no, dire amore
E insegnarti che tu puoi volare.
Devi fare la guerra dei bottoni,
Devi avere la forza di cantare,
Figlio mio, neanche Dio può capire
Quanto è bello guardarti dormire.
Voglio ancora una vita e un aquilone...

1992 - Rumba di tango (con Giorgio Faletti)


Tornan pian piano cosi le vele dal mar
ecco sbiadisce il colore ed il mondo scompar
viene la notte che sa
viene la notte che fa
questo tango d'amor che la rumba ci dà.
In questa notte incantata che invita a sognar
con qualche nube di fumo nel cielo di un bar
persa nell'oscurità
lenta una musica va
questo tango d'amor che la rumba ci dà.
Tango dolce tango onesto tango
se la rumba non rimpiango
tutto il merito l'hai tu
tango che a scommetterci l'amore
batte forte questo cuore mio
tango che ti blocca sul ginocchio
come il naso di Pinocchio
se bugie non dice più
tango come un segno del destino
e al mattino megiio dirsi addio
e perdersi
e perdersi così.
Tornan pian piano così le vele sul mar
ecco si accende il colore ed il mondo riappar
viene l'aurora che sa
viene l'aurora che fa
questa rumba d'amor che la vita ci dà.
In questa luce incantata che invita a sognar
a un gioco d'ombre a danzare sul muro di un bar
persa fra rose e lillà
lenta una musica va
questa rumba d'amor che misteri non ha.
Tango dolce tango onesto tango
se non rido se non piango
questa volta fallo tu
forse a non scommetterci l'amore
batte meglio questo cuore mio
tango che mi frega del ginocchio
ed il naso di Pinocchio
cresca pure fin laggiù
tango come un segno del destino
e al mattino meglio dirti addio
e prendersi
e prendersi così