Lettori fissi

martedì 31 luglio 2018

Festival di Sanremo 1990 - (parte 3)


                               Terzi classificati: Amedeo Minghi e Mietta

Presentano: Johnny Dorelli e Gabriella Carlucci
Orchestra: Festival 
Totale brani: 36 (20 Campioni + 16 Novità)

Una interpretazione per brano:1 italiano + 1 straniero "fuori gara"); 
1a serata: 10 Campioni tutti in finale + 8 Novità (5 in finale); 
2a serata: 10 Campioni tutti in finale + 8 Novità (5 in finale); 
3a serata: i 20 interpreti stranieri dei 20 Campioni + le 10 Novità qualificate (proclamazione vincitore); 
4a serata: 20 Campioni (con i 20 stranieri)

Sezione Campioni


Sandro Giacobbe con Io vorrei


Quante promesse che si spengono
A volte non lo sai il perché
E poi due occhi le riaccendono
Dentro quel portone o in quel caffè
Quei due ragazzi che si amano
Nel buio di periferia
E quanti amori si ritrovano
Dentro una canzone o una poesia
Io vorrei fermare il tempo nei tuoi occhi dentro i miei
Con la voglia di cambiare tutto insieme a te
E fermare quei momenti ogni volta che vai via
Io vorrei, sì vorrei
Io vorrei cambiare il mondo ma il mondo cambia me
Quanta voglia di scavarti dentro l'anima
Io vorrei averti sola e invece tu da sola non lo sei
Io vorrei, sì, vorrei
Quante parole che si sprecano
Quando l'amore non c'è più
Speranze e dubbi si confondono
Come bambini quando crescono
Io vorrei cambiare il mondo ma il mondo cambia me
Quanta voglia di scavarti dentro l'anima
Io vorrei averti sola e invece tu da sola non lo sei
Io vorrei, sì, vorrei
Io vorrei
Io vorrei averti sola e invece tu da sola non lo sei
Io vorrei, sì, vorrei
Quanti ragazzi che si amano
Io questa notte senza te

Paola Turci con Ringrazio Dio


Se prego e non so mai
Scandire le parole
Non quelle che ricordo io
Ma quelle che trasmette il cuore
Ma che preghiera è
Gettata contro i muri
Tra i santi disperati e il vino
Di questo tempo alcolico
Questa sono io
Ringrazio Dio, ringrazio Dio
Per le foto che spedisci ai nostri giorni
Per questa voglia
Di respirare
Soffocare il mondo e poi lasciarlo
andare
Ringrazio Dio, ringrazio Dio
Dacci ancora sangue di giovani vite
Le finestre aperte e chiari spari al cielo
Se Dio fosse già qui
Ti pare che sbagliavo
Ti avrei capito subito
Avrei capito me
Per quelli che oramai
Non mandano più annunci
D’amore e vita sui giornali
Io canto a questi brividi
Questa sono io
Ringrazio Dio, ringrazio Dio
Per quest’anima pesante contro il
petto
Per questa voglia
Di farci male
Soffocare il mondo e farsi innamorare
Da un altro Dio , ringrazio Dio
Dacci ancora sangue di giovani vite
E al mio uomo che è fuggito via
Nemmeno un po’ d’affetto

Milva con Sono felice


Questa sera è domenica, non mi va proprio di uscire
Preferisco stare in casa a guardare la televisione
Danno quel film con quell'attore che mi fa impazzire
Quello coi capelli rossi non mi ricordo il suo nome
Sono felice
Lo so che non è facile
Che sei felice
Ho quasi paura
Ma affronterei il mondo
Quando lui mi guarda negli occhi
A volte mi vien voglia di saltargli addosso
Giocare un po' con lui, parlare della nostra vita
E con la testa è così lontano ma così vicino a me
A volte lui se ne va via, non torna neanche a dormire
Mi lascia qui da sola, mi sembra di impazzire
Tanto che la vorrei finire e sento in un minuto
Ma non lo sanno dire e fanno finta di non capire
Come me in questo momento che sono felice
Di giorno picchierei la testa per farmi sentire
La notte strapperei le sue ali per non farlo volare
Mentre aspetto il suo corpo e le sue labbra amare
Mi appartiene anche quando si addormenta sul divano

Grazia Di Michele con Io e mio padre


Se potessi parlarti di me
In questi giorni che il sole non c'è
Senza confondermi perché
Sei mio padre
Se potessi cantare per me
L'unica storia che al mondo non c'è
Mi ricorderei
Che sei mio padre
Ti poserei
La testa tra le mani e mi addormenterei
Con l'innocenza di chi non ha visto il mare
Ma non ho più
Fuochi da rubare in questa notte blu
Li hai visti forse tu
Che sei mio padre
Se potessi parlarmi di te
E frantumare il silenzio che c'è
Senza difenderti perché
Sei mio padre
Ti prenderei
Quelle tue mani stanche e ti riporterei
Nei nostri viaggi stralunati
Senza fine
Ma non hai più
Voglia di seguirmi in questa notte blu
Non hai parole tu
Che sei mio padre
E restiamo qui
Più mi guardo e più somiglio a te
In un gesto o lampo di allegria
In questa smania di scappare via
Ci incontreremo mai
Io e mio padre
Ci incontreremo mai
Io e mio padre
Ti poserei
La testa tra le mani e mi addormenterei
Sognando isole e sirene in mezzo al mare
Ma non ho più
Fuochi da rubare in questa notte blu
Li hai visti forse tu
Che sei mio padre
Oh, li hai visti forse tu
Che sei mio padre
Li hai visti forse tu
Che sei mio padre

Peppino di Capri con Evviva Maria


Veniva dal mare Maria
Un solo bagaglio, la sua allegria
E mille finestre si aprirono
Quando la felicità passò
E di gente si strinse la via
E una musica s'improvvisò
E chi aveva perduto l'amore lo ritrovò
Evviva, evviva Maria, oh Maria, Maria
Chi sa chi di noi sceglierà, e per chi ballerà
Ma come sei bella Maria, oh Maria, Maria
Il sole stanotte dov'è, dentro noi, dentro te
Volava la gonna a Maria
E la mia tristezza volava via
Ma il vino e le donne confondono
E non sai qual è la verità
Se è Maria che ha inventato l'amore
O l'amore è nato insieme a lei
Con Maria che è di tutti e nessuno, io fuggirei
Evviva, evviva Maria, oh Maria, Maria
Chi sa chi di noi sceglierà, e per chi ballerà
Ma come sei bella Maria, oh Maria, Maria
Il sole stanotte dov'è, dentro noi, dentro te
Evviva, evviva Maria, oh Maria, Maria
Nessuno sa dirle di no, perché mai, io lo so
L'amore si chiama Maria, oh Maria, Maria
La nuova Maria che verrà, chi sarà, chi sarà
Maria, Maria, Maria
Evviva, evviva Maria, oh Maria, Maria
La nuova Maria che verrà, chi sarà, chi sarà
Evviva, evviva Maria

lunedì 30 luglio 2018

Festival di Sanremo 1990 - (parte 2)


                                 Secondo classificato: Toto Cutugno

Presentano: Johnny Dorelli e Gabriella Carlucci
Orchestra: Festival 
Totale brani: 36 (20 Campioni + 16 Novità)

Una interpretazione per brano:1 italiano + 1 straniero "fuori gara"); 
1a serata: 10 Campioni tutti in finale + 8 Novità (5 in finale); 
2a serata: 10 Campioni tutti in finale + 8 Novità (5 in finale); 
3a serata: i 20 interpreti stranieri dei 20 Campioni + le 10 Novità qualificate (proclamazione vincitore); 
4a serata: 20 Campioni (con i 20 stranieri)

Sezione Campioni


Mia Martini con La nevicata del 56


Ti ricordi una volta
Si sentiva soltanto il rumore del fiume la sera
Ti ricordi lo spazio
I chilometri interi
Automobili poche allora
Le canzoni alla radio
Le partite allo stadio
Sulle spalle di mio padre
La fontana cantava
E quell'aria era chiara
Dimmi che era così
C'era pure la giostra
Sotto casa nostra e la musica che suonava
Io bambina sognavo un vestito da sera
Con tremila sottane
Tu la donna che già lo portava
C'era sempre un gran sole
E la notte era bella com'eri tu
E c'era pure la luna molto meglio di adesso
Molto più di così
Com'è, com'è, com'è
Che c'era posto pure per le favole?
E un vetro che riluccica
Sembrava l'America
E chi l'ha vista mai?
E zitta e zitta poi
La nevicata del '56
Roma era tutta candida
Tutta pulita e lucida
Tu mi dici di sì
L'hai più vista così?
Che tempi quelli
Na na, na na, na na
E Roma era tutta candida
Tutta pulita e lucida
Tu mi dici di sì
L'hai più vista così?
Che tempi quell

Mango con Tu... sì


Di nuovo cosa ce dentro la mia vita
Dove finisce la pioggia cominci tu
La sabbia come te scotta fra le dita
E nella storia infinita ci sei di più
Perduto un poí cosi
In questo secolo ti amo
Perduto come te
Tu si ardito affetto mio
Tu si ci ha messo il cuore Dio
E vivi la vita vivi in me
Pioggia di marzo leggera
Dimmi che vita vuoi per te
A quale sorgente vuoi bere
Cogli la rosa preziosa che qui adesso ci
Tu serenamente, bella veramente
Tu completamente dentro nella mente
Ci ha messo il cuore Dio
Rimani li cosi
Mondo da scoprire
Ora fra queste lenzuola che cosa sei
Adesso che sei qui
Con quel sorriso da bruciare
Per quanta notte ci
Tu si ardito affetto mio
Tu si ci ha messo il cuore Dio
E vivi la vita vivi in me
Pioggia di marzo leggera
Dimmi che vita vuoi per te
A quale sorgente vuoi bere
Cogli la rosa preziosa che qui adesso ci
Tu serenamente, bella veramente
Completamente dentro nella mente
Ci ha messo il cuore Dio

Francesco Salvi con A


Avete sentito che orchestra
Sentirete che pezzo
Adesso lo faccio io
Poi tutti assieme
Canto la canzone più bella del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A
E canto la canzone più stretta del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A
Canto la canzone più storta del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A
E canto la canzone più alta del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A
A, A, A, A
Grazie, grazie a tutti, non me l'aspettavo, grazie
Voglio ringraziare tutti i miei collaboratori
Che hanno reso possibile tutto ciò
Volevo fare un pezzo vocale, solo vocale
E ci sono riuscito
Canto la canzone più forte del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A
E canto la canzone più sexy del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A
E canto la canzone più salutare del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A
E canto la canzone più muta del mondo
Che c'ha una nota sola che fa
Cantare sempre, pensare mai
Poi ci troviamo in un mare di guai
Cantare sempre, pensare mai
E siamo ancora in un mare di guai
è una nota sola che ti fa sognar
Basta una parola per poter cantar
A, A, A, A
A, A, A, A
Canto la canzone più allegra del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A A A A
E canto la canzone più preoccupante del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A
Canto la canzone più scioccante del mondo
Che c'ha una nota sola che fa: A
E canto la canzone più puzzolente del mondo
C'ha una nota sola ma fa
Cantare sempre, pensare mai
Poi ci troviamo in un mare di guai
Cantare sempre, pensare mai
E siamo ancora in un mare di guai
E va beh, ho fatto una canzone
Che c'è dentro una nota sola, e allora
Qui è quarant'anni che c'è sempre la stessa musica
E non si lamenta mai nessuno
è una nota sola, che ti fa sognar
Basta una parola per poter cantar
A, A, A, A
A, A, A, A

Caterina Caselli con Bisognerebbe non pensare che a te


Bisognerebbe avere un cuore talmente puro
In questo fango vedere nascosto il cielo
Bisognerebbe amare davvero
Non avere paura
Non lamentarsi tutto il giorno non disperare
E non rispondere al male con il male
E non desiderare più di fuggire
Non morire mai più
Bisognerebbe non pensare che a te
Non pensare che a te
Che poi si viva su una stella o giù nel fondo
Volere bene al mondo com'è
Bisognerebbe non pensare che a te, te
Trovare sempre il modo di comunicare
Questo immenso amore
Solo amore
Senza più dolore
Solo amore
Perché si tratta di rimettersi in discussione
Di fermarsi ad un centimetro dal burrone
Si tratta di essere molto attenti
Ai nostri cambiamenti
Perché il problema è non confondersi col rumore
è abitare questo spazio interiore
Scoprirsi qualche volta a camminare
Sulle acque del mare
Bisognerebbe non pensare che a te
Non pensare che a te
Felici senza diventare mai più niente
Sospesi tra la gente che c'è
Bisognerebbe non pensare che a te, te
Trovare sempre il modo di comunicare
Questo immenso amore
Solo amore
Senza più dolore
Solo amore
Bisognerebbe non pensare che a te, te
Trovare sempre il modo di comunicare
Questo immenso amore
Senza più dolore
Solo amore
Solo amore

Riccardo Fogli con Ma quale amore


E pensare che in te ci ho creduto, ho vissuto i tuoi anni
E col tempo ti ho vista cambiare
Così chiusa e distante da non riconoscerti più
Poi un silenzio che tocca i ricordi, un sottile dolore
Ma quali amici dopo tanto amore
Ma quale amore vuoi
Una lenta discesa dentro me
Per riprendere il volo
E fare a meno di te
Ma quale amore vuoi
I tuoi sguardi confondono
Ancora i discorsi fra noi
A ognuno la sua strada
Con tutto il suo cambiare
E questa nebbia sale
Non mi cercare più
Perché un anno a passare ci mette una vita
Per chi come me è svuotato nel cuore
Nei tuoi occhi si spengono tutti i riflessi di allora
Mentre il freddo comprime i pensieri e affatica il respiro
Ma quali amici dopo tanto amore
Ma quale amore vuoi
Se c'è un vento che soffia su di noi
Rallentando le ore
Fino a farci sparire
Ma quale amore vuoi
Se mi fermo un momento
A guardare indietro
Non so più chi sei
Il lago in controluce
E tutto è irreale
L'inverno di finire
Non ne vuol sapere
Siamo qui, io e te
A prolungare ancora questo addio
Un anno dopo tutto è uguale, ma
È un anno dopo
Poi riprendere il volo
E fare a meno di te
Ma quale amore vuoi
I tuoi sguardi confondono
Ancora i discorsi fra noi
A ognuno la sua strada
Con tutto il suo cambiare
E questa nebbia sale
Non mi cercare più

domenica 29 luglio 2018

Festival di Sanremo 1990 - (parte 1)


                                                    I vincitori: Pooh

Presentano: Johnny Dorelli e Gabriella Carlucci
Orchestra: Festival 
Totale brani: 36 (20 Campioni + 16 Novità)

Una interpretazione per brano:1 italiano + 1 straniero "fuori gara"); 
1a serata: 10 Campioni tutti in finale + 8 Novità (5 in finale); 
2a serata: 10 Campioni tutti in finale + 8 Novità (5 in finale); 
3a serata: i 20 interpreti stranieri dei 20 Campioni + le 10 Novità qualificate (proclamazione vincitore); 
4a serata: 20 Campioni (con i 20 stranieri)

Sezione Campioni

1º Pooh con Uomini soli


Li incontri dove la gente
Viaggia e va a telefonare
Col dopobarba che sa di pioggia
E la ventiquattro ore
Perduti nel Corriere della Sera
Nel va e vieni di una cameriera
Ma perché ogni giorno viene sera?
A volte un uomo è da solo
Perché ha in testa strani tarli
Perché ha paura del sesso
O per la smania di successo
Per scrivere il romanzo che ha di dentro
Perché la vita l'ha già messo al muro
O perché in mondo falso è un un uomo vero
Dio delle città e dell'immensità
Se è vero che ci sei e hai viaggiato più di noi
Vediamo se si può imparare questa vita
E magari un po' cambiarla prima che ci cambi lei
Vediamo se si può farci amare come siamo
Senza violentarsi più con nevrosi e gelosie
Perché questa vita stende e chi è steso
Dorme o muore oppure fa l'amore
Ci sono uomini soli
Per la sete d'avventura
Perché han studiato da prete
O per vent'anni di galera
Per madri che non li hanno mai svezzati
Per donne che li han rivoltati e persi
O solo perché sono dei diversi
Dio delle città e dell'immensità
Se è vero che ci sei e hai viaggiato più di noi
Vediamo se si può imparare queste donne
E cambiare un po' per loro e cambiarle un po' per noi
Ma Dio delle città e dell'immensità
Magari tu ci sei e problemi non ne hai
Ma quaggiù non siamo in cielo e se un uomo
Perde il filo è soltanto un uomo solo

2º Toto Cutugno con Gli amori


Accesi, spenti e stupidi speciali
Due consonanti perse in tre vocali
Son loro che ci aiutano a non sentirci soli
Perciò sono importanti
E li chiamano amori
Gli amori sotto un grande cielo
O chiusi in una stanza
Gli amori in cui hai perso la speranza
Gli amori con le spalle al muro
O quando dici: "Dio ci pensa"
Gli amori dove non sei sicuro
A cui non dai importanza
Ma quanti amori, quali amori
Con il coraggio e la paura di volersi bene
Amori fragili che vanno via
Quelli in cui soffri solamente tu
E gli altri a dire: "Cosa vuoi che sia"
Quanti amori troppi amori
Amori ormai scoppiati
Che non sanno stare insieme
Amori al limite della follia
Quelli che trovi e che non lasci più
Gli amori a pezzi da gettare via
Immagina due mondi solitari
Sospesi tra le stelle, in mezzo ai mari
A volte si avvicinano per non sentirsi soli
Per questo sono grandi
E li chiamano amori
Ma quanti amori, quali amori
Con il coraggio e la paura di volersi bene
Amori fragili che vanno via
Quelli in cui soffri solamente tu
E gli altri a dire: "Cosa vuoi che sia"
Quanti amori, troppi amori
Amori appena nati
Con la voglia di restare insieme
Amori al limite della follia
Quelli che trovi e che non lasci più
Gli amori a pezzi da gettare via
Quanti amori, ma quali amori
Amori al limite delle pazzia
Quelli che c'e che non lasci piu
Gli amori a pezzi da gettare via
Gli amori sono quasi tutti uguali
La differenza adesso...
Falla tu

3º Amedeo Minghi e Mietta con Vattene amore


Vattene Amore,
Che siamo ancora in tempo.
Credi di no?
Spensierato,
Sei contento!
Vattene Amore,
Che pace più non avrò,
Nè avrai.
Perderemo il sonno,
Credi di no?
I treni e qualche ombrello,
Pure il giornale leggeremo male,
Caro vedrai.
Ci chiederemo come mai
Il mondo sa tutto di noi
Magari ti chiamerò
Trottolino Amoroso, Dudu dadadà
Ed il tuo nome sarà
Il nome di ogni città.
Di un gattino annaffiato
Che miagolerà
Il Tuo nome sarà
Su un cartellone che fà
Della pubblicità.
Sulla strada per me,
Ed io col naso in sù
La testa ci sbatterò
Sempre là
Sempre Tu
Ancora un altro pò
E poi
Ancora non lo so.
Vattene Amore
Mio barbaro invasore
Credi di no?
Sorridente truffatore,
Vattene un pò,
Che pace più non avrò,
Nè avrai.
Vattene,
O saranno guai.
E piccoli incidenti,
Caro vedrai.
La stellare guerra che ne verrà
Il nostro Amore sarà lì,
Tremante e brillante così
Ancora ti chiamerò:
Trottolino Amoroso, Dudù dadadà
E il tuo nome sarà
Il freddo e l'oscurità.
Un gattone arruffato
Che mi graffierà
Il tuo Amore sarà
Un mese di siccità
E nel Cielo non c'è
Pioggia fresca per me,
Ed io col naso in sù
La testa ci sbatterò
Sempre là
Sempre tu
Ancora un altro pò
E poi,
Ancora non lo so.
Magari ti chiamerò:
Trottolino Amoroso, Dudù dadadà
E il Tuo nome sarà,
Il nome di ogni città.
Di un gattino annaffiato che
Miagolerà,
Il Tuo nome sarà
Su un cartellone che fa
Della pubblicità
Sulla strada per me
Ed io col naso in sù
La testa ci sbatterò.
Sempre là
Sempre Tu
Ancora un altro pò.
E poi
Ancora non lo so

Anna Oxa con Donna con te


Quanti ricordi dietro me
Li segnerò nel diario della vita
E terrò quei vecchi batticuori nel presente mio
Di bianco e rosso vestirò
Sarò un angelo per te
Quella donna che puoi stringere sul cuore
Ma se occorre come il sole i tuoi sensi accenderò
E piano piano poi li spegnerò
Donna con te, di me chissà che sai
Donna con te se tu lo vuoi (aaah)
Le tue mani su di me
Stanno già forzando la mia serratura
Ma la porta del mio cuore all'improvviso si aprirà
Ed un'altra donna uscirà
Sarò una donna che ritrova la sua femminilità
E te la regalerà
Donna che ti sa stupire solo con la sua semplicità
E che ti amerà
Quanto cielo su di noi
Questa mia età colorala se puoi
E le notti in bianco e nero, quelle le cancellerò
Perché donna io con te sarò
Sarò una donna che ritrova la sua femminilità
E te la regalerà
Donna che ti sa stupire solo con la sua semplicità
E che ti amerà
Donna
Donna
Perché donna io con te sarò
Perché donna io con te sarò
Perché donna io con te sarò
Perché donna io con te sarò
Donna con te, di me chissà che sai
Donna con te se tu lo vuoi
Donna con te, di me chissà che sai
Donna con te se tu lo vuoi
Donna

Marcella e Gianni Bella con Verso l'ignoto


Minuscolo= Marcella
MAIUSCOLO= Gianni
Va questo autunno lento va
Come un fiume che non sa
Dove andare ma va
E cerca il mare
Va la mia vita
Scorre e va come pioggia su un ciliegio
Senza indugio va
Segue la valle
Ma io (LO CONFESSO)
Vorrei (ANCHE ADESSO)
Che l'orizzonte fosse
Familiare (COME IL VOLTO)
Sorridente (DI MIA MAMMA)
Che ancora ninna nanna cantasse piano
Per me (E MI SENTO)
Per me (QUASI LENTO)
E avanzo con fiducia
Indifesa (COME UN VASO)
Trasparente (CON LA MENTE)
Che cerca un po' d'amore
Ovunque amore ci sia
Va questo azzurro aereo va
Scintillante se ne va
E mi porta con se
Verso l'ignoto
Ma io (LO CONFESSO)
Vorrei (ANCHE ADESSO)
Che l'orizzonte fosse
Familiare (COME IL VOLTO)
Sorridente (DI MIA MAMMA)
Che ancora ninna nanna cantasse piano
Per me (E MI SENTO)
Per me (QUASI LENTO)
E avanzo con fiducia
Indifesa (COME UN VASO)
Trasparente (CON LA MENTE)
Che cerca un po' d'amore
Ovunque amore ci sia
Ma io (LO CONFESSO)
Vorrei (ANCHE ADESSO)
Che l'orizzonte fosse
Familiare (COME IL VOLTO)
Sorridente (DI MIA MAMMA)
Che ancora ninna nanna cantasse piano
Per me (E MI SENTO)
Per me (QUASI LENTO)
Che avanzo con fiducia
Indifesa (COME UN VASO)
Trasparente (CON LA MENTE)
Che cerca un po' d'amore
Ovunque amore ci sia

sabato 28 luglio 2018

Festival di Sanremo - i vincitori dal 1980 al 1989




1980 - Toto Cutugno con "Solo noi"


1981 - Alice con "Per Elisa"


1982 - Riccardo Fogli con "Storie di tutti i giorni"


1983 - Tiziana Rivale con "Sarà quel che sarà"


1984 - Al Bano e Romina Power con "Ci sarà"


1985 - Ricchi e Poveri con "Se m'innamoro"


1986 - Eros Ramazzotti con "Adesso tu"


1987 - Gianni Morandi, Enrico Ruggeri e Umberto Tozzi con "Si può dare di più"


1988 - Massimo Ranieri con "Perdere l'amore"


1989 - Anna Oxa e Fausto Leali con "Ti lascerò"


venerdì 27 luglio 2018

Festival di Sanremo 1989 - (parte 8)


      Danny Quinn, Paola Dominguin, Rosita Celentano, Gianmarco Tognazzi

Presentano: Danny Quinn, Paola Dominguin, Gianmarco Tognazzi e Rosita Celentano; Kay Sandvik e Ann Clare Matz (dal PalaBarilla)

Orchestra: nessuna

Totale brani: 48 (24 Campioni + 8 Emergenti + 16 Nuove Proposte)

Sezione Nuovi


Valentini con Bocca di fragola


Perché tu ci sei
non è una scherzo in più
ci sei
la bocca come fragola
che bacia e poi si ferma qua
senza dire parole ci entro per scoprire
che è sola da morire.
La prenso fra le labbra e poi
giriamo pure dove vuoi
in questa notte scura sbattiamo un po’ le ali
per non aver paura.
Son respiri
che non ci son più
son respiri
che non ci son più.
Non è uno scherzo in più
gli occhi come le lucciole
s’accendono di notte per
capire le parole che stringi fra le mani
ma è solo una canzone
che s’infila fra le lenzuola
poi tra le gambe tutta sola
ti soffia in un orecchio
tu spegni piano gli occhi
e non l’assorbi più.
Son respiri
che non ci son più
son respiri
che non ci son più
che non ci son più
tu…
La bocca come fragola
che bacia e poi si ferma qua
senza dire parole ci entro per scoprire
che è sola da morire.
La prenso fra le labbra e poi
giriamo pure dove vuoi
in questa notte scura sbattiamo un po’ le ali
per non aver paura.

Ladri di Biciclette con Ladri di biciclette


Ora vi racconto una storia
Di un gruppo
Di eroi senza gloria
Sono tutti
Alti ricchi e snelli
Tranne io
Che sono Paolo Belli
Il nome che portavo
Non è una novità
Io rubavo
Le bici giù in città
Arrestato mai
Ma ho avuto guai seri
Con polizia
E carabinieri
Siamo la-la-dri
Di biciclette
Siamo la-la-la
E siamo qua
Ci piace ri-ri
Ridere e rubare
Ladri si, si, si
Ma per suonare
Molti mi chiedono
Se la banda è ben organizzata
E se la banda è della malavita
Di primo acchito
Fanno compassione
Ma poco dopo, mamma
Ma che impressione!
Allora avete capito
Se vedete questa gente
State calmi
E non succede niente
Girate alla larga
E rimanete seri
Siamo deficienti
Ma di quelli veri
Siamo la-la'dri
Di biciclette
Siamo la-la-la
E siamo qua
Ci piace ri-ri
Ridere e rubare
Ladri si, si, si
Ma per suonare
Siamo la-la-dri
Di biciclette
Siamo la-la-la
E siamo qua
Ci piace ri-ri
Rintintin
Siamo la-la-la
E siamo qua
La-la-dri
Di biciclete
Siamo la-la-la
E siamo qua
Ci piace ri-ri
Rintintin

Meccano con Le ragazze come me


Cercano amori che è impossibile avere,
grandi, proibiti, pericolosi come il mare
e stanno lì, sole in casa ad aspettare
principi azzurri sempre occupati,
trenta volte sposati,
liberi da mezzanotte in poi.
Le ragazze come me
che non sanno vivere,
non si ama chi non c'è,
nessuna lacrima, nessuna mai,
nessuna lacrima, nessun dolore.
Belle addormentate spaventate come me
che fanno all'amore coi fidanzati
come oggetti smarriti,
senza cuore, senza volontà.
Le ragazze come me
che non sanno scegliere,
non si ama chi non c'è,
nessuna lacrima, nessuna mai,
nessuna lacrima, nessuna lacrima mai...
nessuna lacrima, nessuna lacrima mai...
nessuna lacrima, nessuna...
Le ragazze come me
che non sanno crescere,
non si ama chi non c'è,
cerco un amore che è impossibile avere,
grande, proibito, pericoloso come te.

Brigitta e Benedicta Boccoli con Stella


Quando un giorno ti svegli
e ti metti a cercare
a due passi dal cuore
brilla una luce
che rende tutto migliore.
Quella luce è una stella
è una gioia e un dolore
un successo, una festa
una promessa
è solamente l’amore.
Stella stella
che il cielo illumini
stella stella
tu-u.
Stella stella
chiamala come vuoi
tu con lei
noi con voi.
Una stella nel cielo
puoi averla davvero
basta prendere il treno
dei desideri
basta un sorriso di più.
Stella stella
che il cielo illumini
stella stella
tu-u.
Stella stella
cercala intorno a te
tu, tu con lei
noi con voi.
Stella stella
che il cielo illumini
stella stella
tu-u.
Stella stella
chiamala come vuoi
tu con lei
noi con voi.
Stella tu
un desiderio che si avvera
stella tu
una canzone che ci fa star bene.
E’ l’energia che riempie il cuore
stella tu (stella tu).
Stella stella
che il cielo illumini
stella stella
tu-u.
Stella stella
chiamala come vuoi
stella stella
tu con lei
noi con voi.
Sharks con Tentazioni


Cosa faccio
questa sera non lo so,
sono solo
e la radio non va più.
Leggo un libro
o magari fumo un po’,
non capisco.
Guardo in alto,
penso a un altro giorno,
dove sarò.
Non sopporto
questa fantasia che
mi tortura.
Ora sento
qualche cosa dentro che…
Tentazioni,
sono dentro me,
emozioni,
me le sento già,
non è male,
mi difenderò,
meno male
che finiscono.
Ora esco e
vado a camminare un po’,
non capisco.
A star solo,
a star solo viene freddo.
Tentazioni,
sono dentro me,
emozioni,
me le sento già,
non è male,
mi difenderò,
meno male
che guariscono.
Tentazioni,
sono dentro me,
emozioni,
me le sento già,
non è male,
mi difenderò,
meno male
che finiscono.
Tentazioni,
sono dentro me,
emozioni,
me le sento già,
non è male,
mi difenderò,
meno male
che guariscono.
Stefania La Fauci con Tutti i cuori sensibili


Alzo gli occhi al cielo
qualche nuvola
due cicogne in volo lontanissime.
Un accenno di aria dal mare
tutto questo fa pensare all'amore.
Entra dentro al naso la salsedine
una goccia al viso
è comprensibile
che dentro al petto la serenità
si riposa sotto un tetto di musica.
E i pennoni delle barche
iniziano a cantare
e all'unisono i suoni passano dal cuore
ed arrivano alla punta delle mie bianche mani
che attraverso le dita dentro la tastiera
e nei tasti viene immersa tutta questa vita
tutto il sangue bollente delle mie ferite
tutta l'anima che posso avere dentro
ed è da dentro che s'innalza per raggiungere
tutti i cuori sensibili
tutti gli animi nobili
tutti i cuori sensibili
tutti gli animi nobili.
Tutti i cuori teneri anche quello tuo
che la notte lo senti muoversi nel buio.
Tutti i cuori sensibili
tutti gli animi nobili
tutti i cuori sensibili
tutti gli animi nobili
tutti i cuori sensibili.

giovedì 26 luglio 2018

Festival di Sanremo 1989 - (parte 7)


                                     Seconda classificata: Jo Chiarello

Presentano: Danny Quinn, Paola Dominguin, Gianmarco Tognazzi e Rosita Celentano; Kay Sandvik e Ann Clare Matz (dal PalaBarilla)

Orchestra: nessuna

Totale brani: 48 (24 Campioni + 8 Emergenti + 16 Nuove Proposte)

Sezione Nuovi

Aida Satta Flores con Certi uomini


Certi non mi amavano
certi mi usavano
altri mi sprecavano
certi uomini però
mi sono entrati dentro come te.
Mi davano
la voglia di imparare
un gioco che
io faccio insieme a te
ma oggi tira vento
e gira il girasole verso te
quando c'eri tu
non mi prdevo dietro alla Tv
mi divertivo sai
una ragazza non si annoia mai
non aspettavo più
principi azzurri.
Qui in giro
ne passano pochi
ma oggi tira vento
ed è venuto il sole dietro a te
ma certi sì
mi han dato qualche cosa
mi aprivano
come se fossi un fiore
ma oggi tira vento
ed è venuto il sole dietro a te.
Quando non c'eri tu
quando credevo non venissi
ne ho viste tante, sì
ma non ti penti di quello che fai
non t'aspettavo
avevo altro da fare
che stare a guardare
non aspettavo certo
un bel principe azzurro come te.
nNon aspettavo certo
un bel principe azzurro come te.
Elite con Se


Se non fosse fantasia
immagina che un giorno tu andassi via.
Se deluso dall'idea
perdessi la mia scia
io forse me ne andrei.
Se un'altra poesia
finisse dentro a un letto a casa mia.
Se ridotto ad uno straccio,
di un cuore di passaggio, non mi accontenterei.
Il mio mondo sei tu, non chiedermi perché
amore profondo senza troppi se...
prendi fiato con me un anno, un giorno e poi chissà
mi basta per scordare, sopravvivere e sognare
insieme a te.
Che vivi dentro me
più forte dell'inganno,
che non vorrei.
Se in questa mia poesia
leggessi una bugia,
l'avresti scritta tu.
Se con rabbia e gelosia
corressi per le strade
con questa idea.
No, mi manca l'energia
tu non andare via
rimani qui con me.
Il mio mondo sei tu, non chiedermi perché
amore profondo senza troppi se...
prensi fiato con me un anno, un giorno e poi chissà
mi basta per scordare, sopravvivere e suonare
questo sax.
Il mio mondo sei tu, non chiedermi perché
amore profondo senza troppi se...
prendi fiato con me un anno, un giorno e poi chissà
mi basta per scordare, sopravvivere e sognare
insieme a te.

Stefano Ruffini con Si chiama Hélène


Oggi 20 dicembre
non manca molto a Natale
non c'è più il sole ma in compenso adesso finalmente c'è
Helène Helène
da quasi un mese sta con me
Helène Helène
e il cielo è un po' più bello
anche se piove
più bello
ora che ho il sale
non è italiana ma ha i capelli neri come avevi tu
per ora è un nome ma è di più
Helène Helène
è molto più invadente.
Ma l'incredibile
è che vivendoci di più
non ci stanchiamo mai
si chiama Helène e la conoscerai
si chiama Helène vedrai che l'amerai.
Ora sto sorridendo
mentre ti sto scrivendo
che lascia in giro i suoi collants e non c'è il latte
quasi mai
Helène Helène
la prima notte senza lei
Helène Helène
non ho dormito niente.
L'incomprensibile
è che amandoci di più
non ci stanchiamo mai
si chiama Helène e la conoscerai
si chiama Helène vedrai che l'amerai.
Helène Helène
è molto giovane ma è lei
Helène Helène
quella importante.

Antonio Murro con 'A paura


Uocchie miei troppe cecat' 'e suonne
pecché mo' nun ghiate a durmi?
'a paura ca schiar'o iuorno
sient'a voce si t'adduorme.
Si aggia fatt'o male me ne pento
io me chiagn'o iuorno ca so' nnato
e 'a paura me stregn'o core
cu'sti llacrime 'e dulore!
Forse è 'a paura,
forse è stanotte cchiù scura,
vaco cercanno 'a porta strisciann'o muro,
stu rimorso me turment'o core.
Forse è 'a paura
ca non me fa durmì a sulo.
Mo' chi tene 'o sole 'n facce canta 'e notte
e chi resta all'ombra add'a murì.
Si aggia fatt'o male me ne pento
io me chiagn'o iuorno ca so' nnato
e 'a paura me stregn'o core
cu'sti llacrime 'e dulore!
Forse è 'a paura,
si 'o cielo cagn'e culore,
forse è 'a paura,
me saglie 'o fridd'int'o core
pe' sta male capa ch'aggi'avuto.
Forse è 'a paura,
ca non me fa durmì a sulo.
Mo' chi tene 'o sole 'n facce canta'e notte
e chi resta all'ombra add'a murì.
Forse è 'a paura,
fors'è stanotte cchiù scura,
stu rimorso me turment'o core.
Forse è 'a paura,
forse è stanotte cchiù scura,
vaco cercanno 'a porta strisciann'o muro,
stu rinorso me turment'o core.

Gloria Nuti con Bastardo


E adesso tu sei qui da me
Per chiedermi qualcosa che
Io non ti posso dare
Non posso fingere
Lo so cosa vuol dire
E non so cosa fare
E non sorridere perché lo so
Che sei un duro e che potrei cercare
Solo una scusa per potermene andare
Vorrei, non vorrei
E non so cosa dire
Hai già capito che è la prima volta
E che ho paura di te
E non mi dire che non te ne importa
Perché stasera hai deciso come andrà a finire
E sai che cosa fare, e sai che cosa dire
Mi sembra chiaro a questo punto
Mi vorresti spogliare
Lo posso immaginare
È questo che vuoi da me
Bastardo almeno non farmi male!
C'è una luce che ti splende sul viso
Il tuo consiglio è di lasciarmi andare
Ed è sparito il tuo sorriso
Mi dici "o.k. lasciamo stare
Tu pensi sempre male"
Eppure adesso non ho più paura
Com'è che adesso voglio vivere quest'avventura
Ma ti sei già alzato, ti sei già rivestito
Mi dici sei una bambina, ancora non hai capito
Stavolta è tutto finito
E adesso che vuoi da me?
Bastardo almeno fammi provare!
E adesso sono qui da te
Per chiederti fammi provare
Attento amore non farmi male

mercoledì 25 luglio 2018

Festival di Sanremo 1989 - (parte 6)


                                                La vincitrice: Mietta

Presentano: Danny Quinn, Paola Dominguin, Gianmarco Tognazzi e Rosita Celentano; Kay Sandvik e Ann Clare Matz (dal PalaBarilla)

Orchestra: nessuna

Totale brani: 48 (24 Campioni + 8 Emergenti + 16 Nuove Proposte)

Sezione Nuovi


1º Mietta con Canzoni


Quello che sta succedendo sarà forse sì, musicale ma si tratta di noi
Ti ricordi di noi? Non sono cose che puoi dirle in musica e farne via via melodia.
E allora Tara Tara Tara Tatta Tatta Tatta.
Ti ripeto Tara Tatta Tatta che si tratta di noi.
Quello che capita nelle canzoni non può succedere in nessun
posto del mondo, ti ricordi di noi...
io non so dire se qui sto per piangere o ridere
o farmi una foto per poi dire di me,
tra qualche tempo, di me, sai quel visino chi è.
Ero io, qui lontano da chi qui non c'è.
E allora Tara Tara Tara Tatta Tatta,
ti ripeto Tara Tatta Tatta che si tratta di noi.
Quello che capita nelle canzoni non può succedere
in nessun posto del mondo,
ti ricordi di noi, di noi, l'amore,
Tara Tara Tara Tatta le parole, la melodia, ma l'amore va via.
Noi siamo vivi, mi pare, lo spero,
non foglie morenti così falsamente danzanti
se l'estate se ne va a me sai che importa se l'estate poi se ne va,
se tra un anno torna, sai a me, sai tu cosa mi fa
se il cielo è terso, se un anno è trascorso,
se il sole si è perso così come fosse un bambino,
sai che me ne importa poi, qui si tratta di noi.

2º Jo Chiarello con Io e il cielo


Sarà che il sole si era spento
sarà questo mio pianeta stanco
che rinasce come un fiore a primavera
insieme alla mia storia.
Sarà la luce dell'aurora
sarà che non ho più paura
se adesso come una rondine ferita
spalanco i remiganti e poi
m'innalzo libera
e posso ancora conquistare.
Il cielo non finisce all'orizzonte
il cielo né si può
strapparlo come un velo
per scoprire dietro cosa c'è.
Sento le sue mani su di me
ma frse è nostalgia.
Sarà il vento della sera.
Sarà questa nuova mia avventura
che piana su di un mare appena nato
e naufragando su di un'isola
rinasco libera
e posso ancora rivedere.
Il cielo come può cambiare
a volte il cielo non ha fine
non ha storie... il cielo
lì ci incontreremo io e te stanne certo.
Il cielo non finisce all'orizzonte
il cielo né si può
strapparlo come un velo
per scoprire dietro cosa c'è
è capitato a me.

3º Franco Fasano con E quel giorno non mi perderai più


L'inquietudine è una scia, dove nuoti sempre tu,
la corrente è troppo forte e tu non ti fermi più,
la tua rotta hai scelto già verso l'idiosincrasia,
per le cose più normali anche per me
Se tu seguissi la teoria della regolarità,
ti raggiungerei attraverso tutte le difficoltà,
e se poi, istintivamente, ritrovassi l'armonia,
ne guadagnerebbe il mondo, non solo noi
Ma dimmi dove sei, così ogni tanto mi oriento,
e dimmi come mai da me ti stai nascondendo,
la tua fragilità la scopro e poi la difendo,
e quel giorno non mi perderai più
E dimmi sì o no, se è vero che ti appartengo,
se stare insieme a me ancora ha un suo fondamento.
Ma ora che noi siamo qui, trova un posto all'allegria,
chiudi tutte le finestre per non farla andare via,
perdoniamoci le volte che non siamo stati noi,
quando c'erano le lotte dei tuoi sogni contro i miei
Ma dimmi dove sei, così ogni tanto mi oriento,
se non ti incontrerò ti cercherò tutto il tempo,
se mi sorriderai ritroverò l'entusiasmo,
e quel giorno non mi perderai più
Se solo lo vorrai, sarà di nuovo stupendo,
e quel giorno non mi perderai più
e quel giorno non ti perderò più.

4º Gitano con Pelle di luna 


Sono arrivati gli zingari
dall'Asia Mediterranea,
hanno portato una bella gitana,
Pelle di luna mi accenderà.
Si fermeranno in piazza Trinità,
ci leggeranno la mano
e ci daranno trent'anni di più,
ci sentiremo tutti su.
Regaleranno tappeti persiani,
viva gli zingari mediterranei,
faranno uno spettacolo al giorno
e danzeranno per la pioggia.
A piedi nudi sotto la tenda,
sopra le note di un violino
sta ballando la gitana.
Ehi, gitana!
Gitana balla balla ancora,
sopra questo cuore stacci un'ora,
gitana balla balla ancora,
dimmi se domani sei la sposa.
Gitana con la faccia scura,
tu con me ti sentirai sicura,
gitana con la gonna a fiori
sotto questo cielo mio non muori.
Come sentieri gli zingari,
sentieri che non muoiono,
il loro viaggio è una sfida col cielo,
valli a capire sti zingari.
È vuota questa piazza Trinità,
la mia gitana è andata via,
all'imbrunire mi penserà,
Pelle di luna, ti seguirò.
A piedi nudi sotto la tenda,
sopra le note di un violino
sta ballando la gitana.
Ehi, gitana!
Gitana balla balla ancora,
sopra questo cuore stacci un'ora,
gitana balla balla ancora,
dimmi se domani sei la sposa.
Gitana con la faccia scura,
tu con me ti sentirai sicura,
gitana con la gonna a fiori
sotto questo cielo mio non muori.
Gitana balla balla ancora,
sopra questo cuore stacci un'ora,
gitana balla balla ancora,
dimmi se domani sei la sposa.

Gianluca Guidi con Amore è

Tu se la mia migliore amica
tra noi segreti non ce n'è
allora prova ad indovinare
cosa mi sta succedendo
che riguarda proprio te...
E' quasi un anno
che ci conosciamo ormai
è un bel casino
dirti che ti amo e poi
capisci tutto di me
io somigluio un po' a te
tu i miei trucchi li sai
le tue stuzie a memoria le so.
Perciò adesso ho voglia di scommettere
che ci spariamo un bacio
e poi giù a ridere
però stanotte vedrai
neanche tu dormirai
mi telefonerai
uno squillo e mentre dirai dirò
"che fesso, fesso, fesso a non accorgermi
che fin dal primo giorno amore è!
che fin dal primo giorno amore è!"
Perciò adesso ho voglia di scommettere...
Ed io che ti raccontavo tutto
ma sì lo so che anche tu mi dicevi la verità
e sennò sai che belle sorprese.
C'è una sorpresa?...
che sorpresa è?
Come? Amore è?
Ma no!
Dal primo giorno
amore è...

martedì 24 luglio 2018

Festival di Sanremo 1989 - (parte 5)


La vincitrice: Paola Turci

Presentano: Danny Quinn, Paola Dominguin, Gianmarco Tognazzi e Rosita Celentano; Kay Sandvik e Ann Clare Matz (dal PalaBarilla)

Orchestra: nessuna

Totale brani: 48 (24 Campioni + 8 Emergenti + 16 Nuove Proposte)

Sezione Emergenti


1º Paola Turci con Bambini

Bambino
Armato e disarmato in una foto
Senza felicità
Sfogliato e impaginato in questa vita sola
Che non ti guarirà
Crescerò e sarò un po' più uomo ancora
Un'altra guerra mi cullerà
Crescerò, combatterò questa paura
Che ora mi libera
Milioni
Sono i bambini stanchi e soli
In una notte di macchine
Milioni
Tirano bombe a mano ai loro cuori
Ma senza piangere
Ragazzini corrono sui muri neri di città
Sanno tutto dell'amore che si prende e non si dà
Sanno vendere il silenzio e il male
La loro poca libertà
Vendono polvere bianca ai nostri anni e alla pietà
Bambini, bambini
Bambino
In un barattolo è rinchiuso un seme
Come una bibita
Lo sai che ogni tua lacrima futura
Ha un prezzo
Come la musica
Io non so quale bambino questa sera
Aprirà ferite e immagini
Aprirà le porte chiuse e una frontiera
In questa terra di uomini
Terra di uomini
Oh bambino
Qual è la piazza in Buenos Aires
Dove tradirono
Tuo padre, il suo passato assassinato
E desaparecido
Ragazzini corrono sui muri neri di città
Sanno tutto dell'amore che si prende e non si dà
Sanno vendere il silenzio e il male
La loro poca libertà
Vendono polvere bianca ai nostri anni e alla pietà
Bambini, bambini
Ehi, bambino
Armato e disarmato in una foto
Senza felicità
Sfogliato e impaginato in questa vita sola
Che ci sorriderà

2º Stefano Borgia con Sei tu

Con te la storia è una battaglia
vuoi sempre aver ragione tu
anche tua madre non si sbaglia
quando dice che in famiglia
la vuoi sempre vinta tu
ed io non sono la tua maglia
che te la infili quando vuoi
e se non hai peccato scaglia
la tua pietra sul mio cuore
che non sente più dolore
sei tu sei tu sei tu
non farmi male
scaldami di più di questo sole
tu che hai dato sempre di meno
fammi addormentare sopra il tuo seno
sei tu sei tu ehi tu
così non vale
voglio molto di più
da questo strano amore
un po’ zucchero e un po’ veleno
fatti respirare dai fatti godere
sei tu
ma se questa storia è una battaglia
allora vinci sempre tu
meriti proprio una medaglia
che su una faccia c’è il mio nome
e sull’altra il mio dolore
sei tu sei tu sei tu
non farmi male scaldami di più di questo sole
tu che hai dato sempre di meno
fammi addormentare sopra il tuo seno
sei tu ehi tu
così non vale
voglio molto di più da questo strano amore
un po’ zucchero e un po’ veleno
fatti respirare dai fatti giocare
sei tu…..
tu che hai dato sempre di meno
fammi addormentare sopra il tuo seno
sei tu ehi tu
così non vale
voglio molto di più da questo strano amore
un po’ zucchero e un po’ veleno
fatti respirare dai fatti godere
sei tu…
tu che hai dato sempre di meno
fammi addormentare sopra il tuo seno.

3º Aleandro Baldi con E sia così


E sia così e così sia,
tu non sei più la mia allegria
lo so che ci buttiamo via
ma sia così e così sia.
E sia così lo dico io
lo dici tu lo vuole Dio
lo so che ci buttiamo via
ma se è così che così sia.
Io ragazzo che piegavo tutto intorno a me
ho trovato chi ha piegato me
è da pazzi far morire la felicità
per tenere in vita questo amore.
Ma se è così chi ce la fa
a stare qui senza pietà
di questo amore che non c'è più
non c'è più cara hai vinto tu.
E sia così l'eternità
se tu lo vuoi così sarà
e adesso puoi restare qui o andare via
e sia così e così sia.
Lo so che ci buttiamo via
ma è così parola mia
era tutto pronto per volare insieme a te
verso una luna che non c'è
e ora mi ritrovo in questa parte di città
rinchiuso dentro i miei chissà.
E sia così l'eternità
se tu lo vuoi così sarà
è colpa tua o è colpa mia
ma se è così che sia così e così sia
lo so, lo so, lo so che ci buttiamo via
lo so che ci buttiamo via
ma se è così che sia così
e così sia.


4º Gepy & Gepy con Per lei


C'è sempre una collina
Che ti nasconde il mare
E c'è una ragazzina
Che non ti fa dormire
C'è solo una parola
Che fa morire un uomo
Una parola sola, io ti amo
Bella per me, bella per chi ti ama
Ed io per lei acchiapperò la luna
Ed aprirò la braccia
Due ali di cartone
Un salto dalla roccia più alta
E poi io volerò lontano
Se me lo chiedi tu, angelo blu
Tu sei l'angelo blu
Il mio angelo blu
Bella per me, bella per chi ti ama
Ed io per lei acchiapperò la luna
Tu sei l'angelo blu
Il mio angelo blu
Tu sei l'angelo blu
Il mio angelo blu
Tu sei l'angelo blu
Il mio angelo blu
Tu sei l'angelo blu
Il mio angelo blu

Santarosa con Gli anni migliori

Basterebbe che tu fossi qui
Per ridare un senso ai giorni miei
Quella mareggiata ora si è calmata
E qualche danno si riparerà
Stare zitti serve a dire sì
E ogni tanto non parlavi mai
Se cercavi scuse non badavi a spese
E compravi sogni per illudermi
Gli anni migliori sono così
Quelli vissuti
O solo quelli che tu vivrai
Gli anni migliori
Non è vero che vanno via
Si fermano nei cuori
E poi non invecchiano mai
Ma chissà tu adesso dove sei
Nel tuo mare chi si bagnerà
Ha un sapore asciutto
L'acqua del tuo frutto
Ho le labbra secche
Quando non sei qui
Gli anni migliori
Sono così
Come i diamanti
Ma brillano di più
Gli anni migliori
Non è vero che vanno via
Si fermano
Nei cuori in noi
Gli anni migliori
Lo sai anche tu
Sono i respiri
I minuti inventati da noi
Gli anni migliori
Non è vero che vanno via
Ci aspettano poi crescono
Diventando grandi insieme a noi
Si fermano nei cuori
Ma loro non invecchiano mai
Marina Arcangeli con Il poeta


Chissà perché nasce un poeta,
quel figlio di una notte inquieta,
quel figlio di una mezzoretta,
c’è poco tempo, lui mi aspetta,
quel figlio di una scampagnata,
di una frenata ritardata,
di una bottiglia troppo vuota
o della solita serata.
Chissà perché nasce un poeta,
forse per quella notte lieta
di due ragazzi troppo seri,
per la scintilla nei pensieri
che accende in cielo qualche stella,
per questa luna troppo bella,
per lo sfiorarsi di due mani,
per frasi tipo “dai, rimani”,
per corpi lisci come seta,
ecco perché nasce un poeta.
Chissà perché vive un poeta,
quel figlio di una stornellata,
di una parola disperata
che nella rima si è baciata,
di una parentesi ormai chiusa
dentro alla storia di una sposa,
di qualche apostrofo un po’ rosa
nascosto dietro ad una scusa.
Chissà perché vive un poeta
con quella sabbia tra le dita,
le scarpe a un palmo dalla strada
e gli occhi pieni di rugiada,
chissà perché vive un poeta,
chissà perché passa la vita
a raccontarci storie strane
piene di ladri e di donnine,
per dare un senso a questa vita,
ecco perché vive un poeta.
Chissà perché muore un poeta,
chissà perché lascia la vita
sopra la punta dei suoi piedi,
prima era qua, poi non lo vedi,
chissà perché poi di un poeta
resta una pagina ingiallita,
lui se n’è andato all’improvviso
con un saluto e un bel sorriso
per inseguire una cometa,
ecco perché muore un poeta.
Aida con Questa pappa


Questa pappa non ci piace!
Questa pappa non ci va!
La puoi vendere anche a rate…
ma una volta basta gia’.
Tu aspetti il treno
che tutti i giorni e’ in ritardo
e’ sempre pieno e non lo prendi mai.
Questa pappa di ogni giorno
non e’ piu’ una novita’
e’ un piattino con contorno
che ti resta tutta qua.
Asciuga il pianto
e pensa a un mondo migliore
tu stai correndo
e forse non lo sai
e il lavoro… quel che puoi!!!!
ma poi non ce l’hai
porti i soldi ,tanti guai
e non cambia mai.
Questa pappa dolce e amara
te la danno ad ogni eta’
un gettone, una zanzara e tua mamma non lo sa.
E’ un amore…quel che puo’
ma poi non ce l’hai
non ti fidi
non ci stai
e non cambia mai.
Questa pappa e questa vita
che sbilenca se ne va
e’ un po’ asciutta e un po’ bagnata
come l’anno che verra’,
basterebbe restare uniti
camminando per la citta’
e l’aiuto di pochi amici
che hanno la tua sincerita’
basterebbe restare uniti
e trovarci una compagnia
con i buoni e con i cattivi
nella stessa fotografia.
Questa pappa non ci piace!
Questa pappa non ci va!
La puoi vendere anche a rate…
ma una volta basta gia’.
Questa pappa te la mangi!!!
Questa pappa non mi va!
Questa pappa te la mangi!!!
Questa pappa non mi va!
Steve Rogers Band con Uno di noi


Uno di noi
Uno di voi vuol cambiare il mondo
Già come mai?
Uno di noi
Una di voi è convinto che da domani ricomincerà
Uno di voi uomini ormai
Con la voglia di essere sempre più forti che mai
Guarda all'orizzonte quante anime
Digli forte che ci sei anche tu
Lasciati andare di più
Lasciati andare di più
Lasciati andare di più
Uno di noi
Uno di voi ha toccato il fondo
E sa come si fa
Uno di noi
Una di voi ha capito che la sua vita non finisce qui
Uomini sempre, anche un po' eroi
Con la voglia di essere sempre più felici che mai
Guarda all'orizzonte quante anime
Digli forte che ci sei anche tu
Lasciati andare di più
Guarda dentro al mondo quanti deboli
Pensa quanto sei importante tu
E lasciati andare di più
Lasciati andare di più (uno di noi)
Lasciati andare di più (uno di noi)
Lasciati andare di più (uno di noi)
Lasciati andare di più (uno di noi)

lunedì 23 luglio 2018

Festival di Sanremo 1989 - (parte 4)


                                      Quarto classificato: Riccardo Fogli

Presentano: Danny Quinn, Paola Dominguin, Gianmarco Tognazzi e Rosita Celentano; Kay Sandvik e Ann Clare Matz (dal PalaBarilla)

Orchestra: nessuna

Totale brani: 48 (24 Campioni + 8 Emergenti + 16 Nuove Proposte)

Sezione Campioni


19º Rossana Casale con A che servono gli dei


Che vita senza qualità
e che miseria che tormenti
che inquinamenti
ho voglia di essere in balia
di una grande follia non pensare più
ne a me ne all' io addio
essendo questa società
dei delitti e delle pene
siamo in catene
di un apparente libertà
sembra che tutto sia uno spreco di
energia
tuttavia che amore c'è
in me stessa e intorno a me
quanto di bello e di vero
a che servono gli dei
siamo noi la terra come il cielo
e la pace che non c'è
ognuno deve coltivarla in se
e questa è l'attualità
l'ingiustizia del potere e del dolore
noi siamo questa umanità
come in mezzo ad una via
sempre in cerca di utopia
tuttavia che spazio c'è
in me stessa e intorno a me
quanto c'è da esplorare
a che servono gli dei
siamo noi il bene ed anche il male
e la pace che non c'è
ognuno deve coltivarla in se
a che servono gli dei
in questo mondo da cambiare quanta forza vive in noi
quanta luce vive in noi
quella luce che non può finire mai.

20º Tullio De Piscopo con E allora e allora


Si è fatto tardi devo andarmene
So trenta gradi Fahrenheit
Piano piano, piano non m'importa niente
Non mi spaventa uscire nudo di qua
Memorizzare dove andare boh
Non so la strada portami con te
Un sorriso vale tanto
E non dura che un momento credi a me
Con la mente sto toccando
Tutti i più intimi segreti di una strana realtà
O barbà o barburea
Non è un gioco fatto solo di bugie
Un sorriso mi da tanto
E allora e allora
Vado piano piano non mi ferma niente
Ce stà chi dorme n'coppa i guaie
La migliore musica è amica mia
Lei mi capisce vive e soffre con me
Maledizione c'è un'invasione
Di gente sola che non sa dov'è
Un sorriso vale tanto
è nascosto dentro il cuore credi a me
Quella luce mi sorprende
Come la forza di un diamante che mi taglia a metà
O barbà o barburea
Siamo sempre a trenta gradi Fahrenheit
Ma un sorriso mi da tanto
E allora e allora
Un sorriso vale tanto
E non dura che un momento credi a me
Con la mente sto toccando
Tutti i più intimi segreti di una strana realtà
O barbà o barburea
Non è un gioco fatto solo di bugie
Mi fa vincere suonando
E allora e allora!
Un sorriso vale tanto
è nascosto dentro al cuore credi a me
Mi fa vincere suonando
O barbà o barburea.

21º Eduardo De Crescenzo con Come mi vuoi


Come mi vuoi?
Posso fare tutto, inventare un trucco
Come mi vuoi?
Se ti spendo un fiore, poi mi chiami amore?
Come mi vuoi?
Distratto, un po' incosciente,
Banale ma divertente, violento...
Dimmi se va bene, sennò rallento...
Come mi vuoi?
Strano, disonesto, anche un po' maldestro
Come mi vuoi?
Compro le tue idee, ma devi darmi il resto.
Come mi vuoi?
Sereno, intelligente
Magari un po' insolente, mi arrendo?
Ancora non ti prendo?
Lo trovo, lo trovo, vedrai se ci provo
Dev'esserci un modo, per giungere a te...
Al tuo meccanismo, al tuo interruttore
Corrente alternata ma sento che c'è
Io cerco mi informo, e poi mi trasformo
Ma aspetta che torno, non sono più me
Amore ghiacciato, un po' complicato
Avrai la tua formula, dimmi qual'è?
Come mi vuoi?
Discreto, con più tatto, o vuoi che faccia il matto?
Come mi vuoi?
Libero, egoista o bravo equilibrista
Come mi vuoi?
Un poco esagerato, o anche sfortunato, mi arrendo?
Ma ancora non ti accendo?
Lo trovo, lo trovo, vedrai se lo scovo
Dev' esserci un modo per stringermi a te
Nel tuo nascondiglio, sei un muro o un imbroglio
Però io ti spoglio, e ti vesto di me.
Io guardo, mi scosto però finché posso
C'è già mare grosso, farei chissaché...
Amore distante ma troppo importante
Un angolo solo e dimmi che c'è...
Io guardo, mi scosto però finché posso
C'è già mare grosso, farei chissaché...
Amore distante ma troppo importante
Un angolo solo e dimmi che c'è...

22º Fred Bongusto con Scusa


Che strano amore
Questo amore tuo
Fatto un po’ di niente
De un po’ di me
Lo trovo sciocco senza fantasia
Non era certo questa la mia idea
Però lo vivo in ogni mio respiro
E respirando vivi dentro me
è come camminare sopra il vetro
Ma io non torno indietro senza te
Scusa
Se t’amo ancora come il primo giorno
Se come dici tu non è moderno
Se non ho mai pensato di lasciarti
Scusa
Se faccio esperimenti per odiarti
Se a me non m’interessano le altre
Se preferisco una partita a carte
Scusa
Se tutto quel che ho non è abbastanza
Se non mi calma questa lontananza
Se non so liberarmi più di te
Scusa
Scusami
Se non so amarti meglio di così
Scusa
Se non son diventato ancora grande
Se ho fatto della musica un’amante
Se prima scappo poi vengo a cercarti
Scusa
Se sei finita dentro una canzone
Se il cuore è stato sempre il mio padrone
Se non so liberarmi più di te
Scusa
Scusami
Se non so amarti meno di così
Io non so amarti meno di così.

23º Gigi Sabani con La fine del mondo


Me lo aspettavo un po' piu' biondo
è arrivata la fine del mondo.
Può anche darsi che sia stato poco attento alla TV
mi è sembrato di capire che domani arriverà Gesù,
col suo aereo personale vuol deverci tutti alle otto,
viene giù per fare i conti
e qualcuno se la fa già sotto.
Dagli alberghi ad ore stan scappando tutti per le scale,
c'è chi domanda ad amici e parenti se peccare è normale,
c'è chi prenota un prete, un monsignore o meglio un cardinale
voglion tutti quella raccomandazione giusta e un po' speciale
e dalla America arriva il grande giornalista,
vuol vedere Gesù per fargli un'intervista
la copertina in esclusiva mondiale, sarà un avvenimento eccezionale.
Abbiam toccato il fondo
è arrivata la fine del mondo
e adesso dove mi nascondo
è arrivata la fine del mondo.
Allora vengo da te
oppure vieni da me,
ma dove andiamo?
Non mi dire, non mi dire cosa ci potrà capitare,
vedo già la gente uscire come fosse ferragosto al mare,
c'è chi va in macchina o col treno in direzione Vaticano,
che confusione generale,
ci fa aspettare in prima fila Celentano,
e finalmente le otto, c'èuna grande tensione
c'è chi piange e chi ride, siamo in mondo-visione
dal suo aereo privato
è proprio Gesù.
Io quasi quasi gli do del tu.
Me lo aspettavo un po' piu' biondo
è arrivata la fine del mondo,
e adesso cosa gli racconto,
è arrivata la fine del mondo.
Allora vengo da te
oppure vieni da me,
ma dove andiamo?

24º Sergio Caputo con Rifarsi una vita


Fuori si fa sera…
che cosa c’e’ di strano…
fa sera tutti i giorni
da quando sono nato…
cosa c’e’…
Fuori si fa sera…
che guinness vuoi bruciare
a spingere le porte
con scritto su “Tirare”…
cosa fai…
E i Frankenstein nascosti nell’armadio
palloni che non hanno mai volato…
il clan dei panni sporchi
mi aspetta giù all’uscita…
che confusione… io…
vado a rifarmi una vita…
Fuori si fa sera…
che luna pensierosa…
vorrei dimenticare…
ma non ricordo cosa…
dove sei…
Torni dalla pioggia…
ti offro un temporale…
dov’e’ che sei ferita…
dov’e’ che ti fa male…
dove vai?
Il clown che stai cercando ha traslocato
chissà su quale nave s’e’ imbarcato…
se trovi l’eldorado
mi mandi una pepita…
scusa un momento… io…
vado a rifarmi una vita…