Lettori fissi

giovedì 15 settembre 2016

Salvatore Adamo




Salvatore Adamo (Comiso, 1º novembre 1943) è un cantante e compositore italo-belga.

Il primo successo arriva nel 1963 con Sans toi ma mie



Inizia a pubblicare i suoi dischi anche in Italia, raccogliendo anche qui il successo con Perduto amor 1963 


1964  Vous permettez Monsieur 



1965 La notte 



1966 Una ciocca di capelli 




1967  Inch'Allah 



1968 Tu assomigli all'amore



1969 Accanto a te l'estate 




Tantissime altre canzoni ha inciso Adamo negli anni 60


Incide la canzone Dolce Paola dedicata a Paola Ruffo di Calabria futura regina del Belgio, di cui si dice che il cantautore fosse innamorato. 



Nel 1968 con Affida una lacrima al vento, vince il Festivalbar ed occupa il 1º posto della hit parade, come con altre sue canzoni. 



Nello stesso momento la sua canzone Tu somigli all'amore diventa la sigla della trasmissione televisiva "Disco verde". 



Nel dicembre 1968 il singolo Pauvre Verlaine arriva primo in Francia.



Nel 1969 il singolo Petit bonheur arriva primo in Francia per due settimane e nono in Svizzera. 



Nel 1976 partecipa come ospite al Festival di Sanremo. Egli, comunque, rimane noto nei paesi francofoni, ispanici, in Russia e Giappone.

Negli anni 80 riduce l'attività lavorativa anche a seguito di problemi di salute.

martedì 6 settembre 2016

Anna Identici

Anna Identici (Castelleone, 30 luglio 1947) è una cantante italiana. 


Nel 1964 partecipa al Festival di Castrocaro arrivando in finale.

Nel 1965 vince il Festival di Zurigo con il brano (Un bene grande così) nel 1966 debutta al Festival di Sanremo con la canzone (Una rosa da Vienna, nello stesso anno partecipa al concorso Un disco per l'estate con il brano (Una lettera al giorno) e al Festival di Zurigo dove si afferma con (Bentornato a casa).





Nel 1967 partecipa nuovamente a Un disco per l'estate con il brano (Tanto tanto caro) e all'Oscar Nazionale della Canzone dove si afferma con (Il bene che mi dai). 





Nel 1968 ritorna a Sanremo con (Quando m'innamoro) che diverrà la sua canzone più celebre. Altra partecipazione al concorso Un disco per l'estate con il brano (Non calpestate i fiori).





Il 1970 la vede tornare alla ribalta con la conquista del terzo posto al Festival di Napoli con la canzone Distrattamente, che canta in coppia con Tony Astarita.

È ancora a Sanremo nel 1970 e nel 1971 rispettivamente con (Taxi) e (Il dirigibile) entrambe cantate in coppia con Antoine.





Dopo queste partecipazioni decide di cambiare genere, passando ad una musica più "impegnata" e pubblicando nel 1971 l'album Alla mia gente, che contiene canti di lavoro e canzoni legate a temi di attualità. 

La canzone che presenta al Sanremo del 1972 intitolata (Era bello il mio ragazzo) che parla delle cosiddette morti bianche. L'anno seguente partecipa per l'ultima volta alla manifestazione canora con (Mi son chiesta tante volte).

Nel 1974 riscuote grande successo con la canzone (40 giorni di libertà).






Successivamente collabora con Umberto Bindi, duettando con lui nella canzone (Se ci sei) che apre l'album Bindi pubblicato nel 1985. L'ultimo suo lavoro in sala di incisione è l'album Maria Bonita del 1986. È ricomparsa in TV negli anni 2000 in alcune trasmissioni di revival.Nel 2008 interpreta il brano (Partire).